giovedì 27 marzo 2014

CASTELLO DI BIVONA: SPARISCONO I PRIMI PEZZI FINANZIATI DALLA COMUNITA' EUROPEA!

base di cemento senza containers
E' accaduto! Quello che prevedevamo accadesse è accaduto. I due anni di totale abbandono e degrado dell'area del Castello di Bivona hanno resa praticabile la sortita con la quale nei giorni scorsi sono stati "fatti sparire" i due mini container adibiti, secondo il progetto finanziato dalla Comunità Europea ed eseguito dal Comune di Vibo Valentia, a biglietteria e servizi igienici.
Basta dare una rapida lettura ai post precedenti dedicati al Castello di Bivona e sarà semplice capire perchè - da quanti frequentano quei luoghi - era prevedibile che questo accadesse:

 containers di servizio
a) nessuna voglia di rendere produttivo quell'investimento europeo;
b) nessuna proposta di gestione;
c) nessuna guardiania;
d) troppa distanza tra il castello e l'accesso;
e) accesso troppo nascosto alla vista.

Insomma un triste destino già segnato al quale nessuno ha prestato l'attenzione dovuta. 
Non sappiamo ad oggi se questo è un furto oppure no, perchè non sappiamo se i containers erano acquistati o in fitto! 
Si, la loro sparizione potrebbe essere dovuta anche solo alla scadenza del loro fitto! Pare che sia frequente fittare i containers allo scopo di usufruire della loro manutenzione fino ai controlli di regolarità, per poi rinnovare o rescindere il contratto, secondo i bisogni (sic). 
Dunque la loro sparizione potrebbe essere dovuta alla rescissione di un contratto di fitto o ad un furto perpetrato per l'assoluto isolamento dell'area rispetto alla strada.
In ogni caso questo "prelievo" legittimo o illegittimo ma capita nel momento meno adatto, tanto da diventare una vera e propria grana!
Già, perchè a rendere ancor più dirompenti le conseguenze di questa sparizione potrebbero però essere i funzionari europei della Commissione EU. 
Fonti accreditate confermano che entro i primi 15 giorni di aprile è prevista una Missione di Audit da parte di funzionari della Regione Calabria che accompagneranno la visita ispettiva dei funzionari Europei sul progetto "Restauro Conservativo e Valorizzazione del Castello di Vibo", Progetto 89480, beneficiario dei contributi comunitari POR 2007/2013.
Certo il controllo sarà solo sulla regolarità del fascicolo di progetto, ma invitiamo però i nostri amministratori ad accompagnare i "missionari" europei, con un pò di coraggio e fatalismo ... sia nei luoghi di questo specifico intervento al Castello di Bivona, che - perchè no?- nell'area della Tonnara di Bivona, dove potrebbero ispezionare anche i "resti" del progetto 266, finanziato con i fondi  POR 2000/2006, Cod. Rend. 48741 - CUP: E47B05000030006, sempre beneficiato dal Comune di Vibo Valentia, per realizzare un "Museo del Mare - Centro di archeologia marina" ... anche questo, come il Castello, esistente e valorizzato solo sulla carta!
Insomma, una volta che sono qui per verificare ... verificare i buoni esiti dei due finanziamenti europei lungo la fascia costiera del comune, costa poco ... anzi, meno di quanto è stato erogato inutilmente!

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...