sabato 12 luglio 2008

SALIRESTE SU UN MEZZO FURGONE CON UNA MEZZA GUIDA?

E’ difficile amministrare una città complessa come quella di Vibo Valentia. Ma ogni tanto i nostri amministratori fanno le cose in sinergia e, concordando gli interventi, i risultati positivi risultano visibili anche agli occhi dei più sprovveduti. Come non citare in tal senso le ultime iniziative dell’assessore ai Trasporti Pubblici e quello alla Cultura? Il primo ha il merito di aver annunciato l’avvio del Servizio Sperimentale del Trasporto Pubblico Urbano (€. 630 mila), il secondo l’avvio della distribuzione di una preziosa Guida della Città di Vibo Valentia (€. non divulgato).
Le novità? Si potrà usufruire per qualche mese gratuitamente di un pulmino, così da incentivare l’uso dei mezzi pubblici e decongestionare il traffico; si potrà, con snella e gratuita lettura, conoscere la città storica, archeologica ed artistica!
Diciamo che questa è stata una bella sorpresa. Tra l’altro, vista la sinergica e coincidente iniziativa, sarebbe consigliabile “fondere” le due cose, fornendo ad ogni utente del gratuito furgone la gratuita guida; ma ci avranno già pensato: nessuno salirebbe su un furgone senza guida!
I due assessori non possono che essere soddisfatti ed a noi non resta che esternare gratitudine, anche perché, senz’altro per realizzare economie, non hanno esteso a tutti i cittadini della città tali benefici.
Sarebbe uno spreco di risorse infatti estendere la mobilità gratuita verso i centri costieri, così come lo sarebbe aggiornare l’elenco dei beni esistenti in quelle comunità! D'estate poi... le scuole sono chiuse e quelli sono tutti ammollo, vuoi che leggano o vengano a Vibo?
Ben fatto! Del resto quelli hanno il porto, i pontili, le boe… usano le barche anche durante le alluvioni, cosa volete che se ne facciano di un furgone? Del resto a Longobardi, S. Pietro, Portosalvo, Bivona o Vibo Marina mica ci sono musei, chiese, biblioteche o altre fesserie legate alla storia o all’identità con Vibo?
Bravi! E’ una scelta coerente e lungimirante che merita il plauso dei Romeo Barbuto! Bravi perchè - a parte il piccolo svantaggio di spaesamento che potrebbe provare un diportista o uno dei 65.000 turisti estivi che, giunti dalle Isole Eolie, non ritroverebbero il porto nella mappa della città o quello piccolissimo di raggiungere il Castello Svevo in bicicletta (i tedeschi poi, amano il cicloturismo) – entrambi le scelte si rivelano così vibocentriche da rendere evidente anche ai non residenti che esiste un nucleo urbano dei servizi ed uno privo; un nucleo con una storia da valorizzare ed uno con una storia da privare; uno ridondante e l’altro assente! Entrambi le iniziative, inutilizzabili nell’intero comune, o meglio ancora... utilizzabili solo al "centro", ti pongono dinanzi ad una amara constatazione: si vuole insultare l’integrità comunale o sancirne la divisione?
Delle due l’una! Ringraziamo perciò gli assessori per l’ineludibile quesito, che fornisce ulteriori prove a sostegno dei limiti esistenti nell’utilizzo appropriato delle risorse.
Ovviamente siamo disponibili a comprendere le ragioni che i Romeo Barbuto vorranno fornire, perché ne avranno, non c’è dubbio… dall’esterno è facile parlare! Vorrei vedere voi garantire sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione in un comune come il nostro! Quasi quasi hanno ragione quelli delle “alici marinate” che sarebbe davvero meglio farne due! Più che di mezze misure qui ne necessitano il doppio!

Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...