venerdì 4 luglio 2008

MA QUALE "CENTRO" GOVERNA IL TERRITORIO?

Riporto integralmente quanto
scrive "il Quotidiano" di oggi:


"Sono oltre cento i faldoni dell'inchiesta relativa alle responsabilità sulla prevenzione onde evitare morti e disastro, su chi avrebbe dovuto controllare e non l'ha fatto, sugli interventi postalluvione, su chi ha inquinato e sulle richieste di risarcimenti di danni ingiustificati.
In questo senso è ancora in atto una indagine di Polizia e Guardia di Finanza e per un'ottantina di persone è stato già richiesto il rinvio a giudizio per truffa ed altro, ma siamo solo all'inizio (...) Al momento risulta che hanno avuto già notificato l'avviso di conclusione indagini Marcello Fiori, 48 anni, di Roma dell'Ufficio gestione emergenze; Antonio Quattrone (71 anni) di Catania, Michele Adiletta (53) di Faenza, Vincenzo Capozza (51), Francesco Scopelliti (39), Raffaele Celia (38) all'epoca tutti dipendenti con funzioni diverse dall'Anas. Il reato ipotizzato per tutti i 13 indagati è quello di disastro colposo mentre quello di omicidio colposo plurimo riguarda Bertolaso, Fiori e due componenti del gruppo Anas."

Riporto questi brani perchè rivelano incontrovertibilmente il lacerante "vuoto di governo" del territorio.
Non che non lo sapessimo, perchè lo stiamo denunciando da anni; per di più proprio l'incomprensibile aumento dell'attività edilizia tra la collina e la costa nel post-alluvione, prima di aver messo in sicurezza il territorio o approvato uno straccio di regole condivise, lo rivela drammaticamente. A caldo mi sembra che le tesi investigative individuino due linee responsabilità:
1) da una parte quelle imputabili ai componenti dell'ANAS o della Protezione Civile (che chiameremo ALTO);
2) dall'altra quelle relative a singoli o associati, persone o ditte, che hanno inquinato o dichiarato il falso (che chiameremo BASSO).
Ergo... se responsabili del precario stato del territorio, le cui precarie condizioni hanno causato le frane assassine ed alluvionali, sono ALTO e BASSO... gli enti territoriali decentrati (Comune o Provincia, che chiameremo CENTRO), non avendone alcuna, di fatto... non lo governano!
Ma che il "vuoto di governo" fosse, per così dire, certificato dagli esiti delle indagini è un fatto estremamente preoccupante, anche perchè se CENTRO non governa il territorio... quale potrà essere la nostra sorte?
A questo punto, per evitare ulteriori danni laceranti o lutti è inutile chiedere maggiore attenzione a CENTRO, che di fatto è incompetente: basterebbe soltanto chiedere alla Protezione Civile o all'ANAS ... che svolgano sempre con perizia il loro dovere.
Ma la considerazione è ancora più drastica: se gli attuali enti territoriali non governano è realmente inutile confermare il nostro "attaccamento" a questo CENTRO !

P.S.: Alla fiaccolata di ieri non c'era alcuna autorità: hanno atteso nella piazza di Bivona. Ovviamente è solo per l'assenza delle autorità che nessuno ha insistito che il giro comprendesse una sosta benedicente a Longobardi!

Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...