mercoledì 15 ottobre 2008

PRESTO AL TORRENTE S. ANNA IL PREMIO COME "MIGLIORE FONTE DI FINANZIAMENTO"!

La notizia, per come posta, dell'avvio dei lavori per Prima Centrale Fognelettrica del Mondo, ha del paradossale, tanto che l'iniziativa finisce col non essere ben apprezzata!

In pratica... sembrerebbe che per smettere definitivamente la consolidata - quanto antica - prasi di sversare il troppo pieno fognario del Depuratore della Silica, nel torrente S. Anna... non vi sia stata altra soluzione che costruire, a metà strada tra le due piattaforme depurative (Portosalvo - Silica), una CENTRALE FOGNELETRICA.

La stampa non riporta nè il sito preciso in cui verrà installata la centrale, nè come verrà realizzato il "salto delle acque" utile ad azionare la turbina che produrrà energia elettrica.. nè quale azienda privata ha vinto il bando di gara (dimenticanze!).

Certo è che l'opera "interesserà" (e siamo a 3 finanziamenti!) per intero il TORRENTE S. ANNA che, vogliamo ricordarlo agli smemorati amministratori pubblici, fruirà nei prossimi mesi:
a) delle attenzioni cementizie dei lavori banditi dalla Provincia per conto del Commissario per l'Emergenza Alluvione;
b) dei lavori banditi dalla Regione per risanarlo da inquinanti e "rinaturalizzarlo"...
c) per ultimo in ordine di data, delle intubature del Consorzio Industriale!
Il S. ANNA è un torrente biricchino! Oltre ad aver provocato alluvioni da secoli, inquinato il mare per decenni, fatto condannare un ex-sindaco (Cosentino, oggi ASIREG) e fatto ricevere un Avviso di Garanzia dalla Procura di Vibo Valentia, per Disastro Ambientale, al Sindaco Sammarco ed Presidente del Consorzio Industriale Sirgiovanni, oggi... è in lizza per l'assegnazione del Premio Nazionale quale "Miglior... Fonte di Finanziamento"! Al prossimo progetto soldibile il premio è sicuro!
In attesa, cerchiamo dalla Marina, di capire che farà il Consorzio! Costruirà al suo fianco circa 2 Km di condotta, per portare l'acqua alla futura Centrale Fognelettrica! Già... ma quali acque?

"La centrale" - comunica il presidente del Consorzio industriale, Filippo Sirgiovanni - "eviterà che le acque del depuratore Silica finiscano nel torrente Sant’Anna. Poco più di un mese fa avevo rilevato quanto fosse illogico (qualche PM direbbe ILLEGALE) aver usato in tutti questi anni (sob!) un torrente con sbocco a mare (sic!) per farvi confluire acque provenienti da fonti non naturali (Fonti non naturali = le cacche di Monteleone -ndr)."
Si evince dunque che le acque che andranno alla Centrale saranno quelle inquinate del Depuratore Silica!
Ora... Iniziamo a fare informazione pubblicando una foto aerea con l'aria dell'intervento, riportando in essa il corso del S. Anna (e quindi dei 2 km di tubature) ed il sito definitivo scelto per la costruzione della Centrale Fognelettrica (ex-ICLEA - Portosalvo); a questo punto poniamo agli esperti del Nucleo alcune semplici domande:
1 - La condotta servirà per alimentare il "salto delle acque", utilizzando quelle del Torrente S. Anna o quelle non depurate del "troppo pieno" del Depuratore della Silica? O entrambi?
2 - Quelle che supererano il "salto" all'ex ICLEA, dopo aver azionato la turbina, finiranno nel torrente? O, tramite ulteriore condotta, al Depuratore di Portosalvo?
3 - La condotta attraverserà le strade, verso costa, sotto nuovi ponticelli? O quelli esistenti?
4 - L'area della ex-ICLEA, una delle più "franate e franabili" della zona, verrà messa in sicurezza prima o dopo la costruzione della Centrale Idroelettrica?
5 - Per salvaguardare definitivamente il Torrente S. Anna (e senza altri indefiniti impatti ambientali) non era più semplice e meno costoso fare solo una efficace condotta tra i due depuratori?

6 - e penultima domanda - Come mai, in un Regione civile come la nostra, si avvia la costruzione di una CENTRALE FOGNELETTRICA, in piena area alluvionata (ed alluvionabile), senza che il progetto definitivo non sia sottoposto alle opportune procedure del VIA (Valutazione d'Impatto Ambientale)?



L'ultima domanda non potremo che porla nei prossimi giorni... solo dopo aver conosciuto la ragione e la compagine sociale dei fortunati vincitori del Bando!



------------------------------------------------------------------------------------------
STESSA DATA
UN RICORDO SBIADITO DEL NOSTRO 68!
ARGOMENTI: RICORDI


Pubblichiamo un manifesto di quarant'anni fa : era il 1968 !Un anno di aspirazioni e desideri, di aspettative e delusioni.
Difficile, ancora oggi, dire che cosa é stato il '68. Certamente una stagione diversa, con tutti i pregi e i limiti che i grandi sommovimenti portano con sé. Il '68 nasce come un movimento spontaneo e di ribellione e, forse influenzato da quel clima, anche a Vibo Marina germogliò e vide la luce un movimento spontaneo e di ribellione, in una prospettiva di rottura con l'assetto politico-amministrativo dell'epoca, ad iniziativa di un gruppo di giovani santaveneroti, forse un pò sognatori ma certamente animati da sinceri ideali.

Quel movimento fu un'onda lunga che non ha ancora trovato la sua riva di approdo e che forse, dopo quarant'anni, appare oggi più vicina.


PUBBLICATO DA: Giuseppe Addesi

Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...