venerdì 24 luglio 2009

FORSE E' IL MOMENTO DI GUARDARSI SINCERAMENTE IN FACCIA!

Nei giorni scorsi Roberto ha scritto un "manifesto d'intenti" forte, convinto e coinvolgente sul sito di vibomarina.eu, che riportiamo in parte, invitandovi alla sua lettura sia perchè merita di essere diffuso, sia perchè merita d'essere sostenuto. "Io ci metto la faccia" è il titolo-slogan del post, che contiene un'analisi secca e cruda della nostra realtà con una proposta altrettanto secca. Ne condivido in pieno le ragioni lo faccio mio e lo sostengo ed invito tutti voi a rifletterci su e ad essere conseguentemente responsabili. Guardarsi in faccia è certamente il solo passo utile a sperare in una svolta che non sia solo di facciata.

"(..) Oggi io chiedo a tutti voi, di farci un esame di coscienza, e dire, decidere cosa noi possiamo fare per il nostro paese, prima che esso sparisca nelle nebbie della storia, nel dimenticatoio delle coscienze. (...) Abbiamo bisogno di tutti voi, della vostra partecipazione attiva. Vi chiediamo perciò di mettere la faccia, di esporvi ed esporci in prima fila. Non abbiate paura di andare contro gli interessi del vostro partito, non crediate di correre il pericolo che vi revochino il vostro incarico di consulenza esterna. Non c'è problema, vogliamo nella nostra lista, persone libere, culturalmente e politicamente, senza legami, legacci e paraocchi. Oltre a questo, gentilmente decliniamo la partecipazione di pregiudicati, persone con carichi pendenti e procedimenti in corso. Al contempo diciamo di no a chi in passato è stato parte attiva nei processi di degrado del nostro paese facendo parte di vecchie amministrazioni dalla gestione opaca e poco incisiva nel positivo. Così come diciamo di no, ai politicanti di mestiere, a coloro i quali occupano uno scranno a Palazzo Razza per professione e non hanno mai alzato un dito o presentato una istanza o un progetto. Diciamo di no soprattutto ai Masaniello con delirio di onnipotenza o velleità da statista, giganti nani dai piedi di argilla, senza cultura armati solo dei propri interessi. Rifiutiamo anche i servi ed i lacché di questo o quel bando economico e partitico, gli ideologicamente schierati monodirezionalmente ed accecati da nebbie artificiali. Chiediamo: una fedina penale virginale, una età che non vada oltre i 50 anni, un titolo di studio universitario preferibilmente o comunque una preparazione adeguata al ruolo che dovrà ricoprire (un consigliere comunale deve avere la cultura e la consapevolezza del ruolo che ricopre, e deve sapere cosa può e deve fare, quali sono i suoi compiti e le sue funzioni), una base cultura poliedrica, la non appartenza a partiti o gruppi di pressione economici o associazionistici, la voglia di fare e cambiare, l'amore per il proprio paese, e l'orgoglio dell'appartenenza ad una realtà che può diventare grande, ricca e fecondo solo grazie all'apporto di tutti. Oggi io chiedo questo. Io ci metto la faccia, E tu? E voi? (...) Io ci metto la faccia. (...) Al termine del dibattito faremo la conta. Se saremo in pochi non sarebbe una novità, non ci meraviglieremmo, qui come nei piccoli paesini siamo soliti spiare da dietro le imposte per poi riunirci nel chiuso delle case e criticare questo o quello. Smentiamo anni di vassallaggio e voti buttati al vento, anche da soli ed in pochi, continueremo comunque sia la strada intrapresa.
Roberto Maria Naso
"

link:
http://www.vibomarina.eu
http://yearbookyourself.com/ (un ottimo link per contestualizzare negli anni (1950/2000) la propria faccia!)

Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...