sabato 7 novembre 2009

RISCHIO IDROGEOLOGICO E MITIGAZIONE DEL RISCHIO!

Quest'anno i risultati inediti della campagna "Ecosistema a Rischio 2009" di Legambiente dedicati specificamente alla Calabria sono stati presentati nella sede del Comune di Vibo Valentia! [scarica qui l'articolo di CalabriaOra, dal quale abbiamo ripreso la foto]
Nel comune al 100% più a rischio frane della regione (vedi alluvione 2006) ... sono stati illustrati i risultati di una indagine tutt'altro che rassicurante: il 100% dei comuni calabresi sono classificati a rischio idrogeologico dal ministero dell’Ambiente e dall’Unione delle Province Italiane!
In questa occasione però siamo dubbiosi sul senso da dare alla scelta del nostro capoluogo di provincia: è stato un modo per indicare la città come un esempio virtuoso nelle politiche di difesa dal rischio idrogeologico o un modo per indicarla come la più rappresentativa del non fatto o del fatto al contrario?
Oppure è stato un modo per tranquillizzarne i vertici? Come dire, se tutta la regione è nelle vostre condizioni di rischio... voi non potete in alcun modo "sentirvi" responsabili di quanto accaduto! L'ipotesi del "mal comune mezzo gaudio" sarebbe paradossale. Paradossale sarebbe che Legambiente si prestasse ad un uso strumentale di tal fatta ... dopo essersi costituita Parte Civile nel primo procedimento penale sull'alluvione, oggi chiuso per non luogo a procedere (gli imputati erano Bertolaso, De Bernardinis, Anas, etc.) e che certamente sceglierà di costituirsi nuovamente tale con il processo bis (il nuovo filone d'indagine sull'alluvione del 6 luglio 2006 ha indicato gli enti locali tra i responsabili del disastro) [vedi il Quotidiano].
Ma a parte i dubbi sul senso dell'ente scelto e del fatto che non si sia approfittato del tema per stringere l'amministrazioni comunale ad un impegno concreto nel mitigare rischi idrogeologici partendo dal nuovo PSC (e ciò ha ancorpiù ridotto l'evento come una operazione conforto, una vera e propria occasione di "mitigazione del rischio penale" offerta agli amministratori vibonesi), i dati forniti sono davvero inquietanti:
L’85% delle amministrazioni che hanno risposto alle interviste ha abitazioni nelle aree golenali, negli alvei dei fiumi e nelle aree a rischio frana;
il 45% delle municipalità monitorate presenta addirittura interi quartieri in zone a rischio;
il 61% ha edificato in tali aree strutture e fabbricati industriali, con grave rischio non solo per l'incolumità dei lavoratori ma anche per eventuali sversamenti di prodotti inquinanti nelle acque e nei terreni in caso di alluvione;
nel 27% dei casi presi in esame sono presenti in zone esposte a pericolo strutture sensibili, come scuole e ospedali e strutture ricettive turistiche, ad esempio alberghi o campeggi.

In sintesi i numeri del dossier Ecosistema Rischio 2009 delineano il quadro di un territorio estremamente fragile, dove sono 409 su 409 i comuni a rischio frane o alluvioni, e che puntano il dito contro uno sviluppo urbanistico e un uso del territorio e delle acque poco rispettosi delle limitazioni imposte dal delicato assetto idrogeologico e aggravati dal diffuso abusivismo edilizio. Nonostante l’80% delle amministrazioni monitorate preveda nei propri piani urbanistici vincoli di edificabilità per le zone a rischio, un sovrabbondante 85% dei comuni presenta abitazioni in tali aree. E le delocalizzazioni procedono a rilento: solo nel 7% dei casi, infatti, sono state avviate iniziative di delocalizzazione di abitazioni dalle aree più a rischio. Zero assoluto, invece, per quanto riguarda le delocalizzazioni di strutture industriali. è evidente, quindi, che questi vincoli devono essere ulteriormente rafforzati.

Qualche segnale positivo arriva dalla pianificazione dell’emergenza e dall’organizzazione della protezione civile locale. Un abbondante 77% dei comuni, infatti, ha predisposto un piano d’emergenza con il quale fronteggiare situazioni di crisi come frane e alluvioni, peccato che solo il 47% delle municipalità abbia aggiornato tale piano negli ultimi due anni (peccato non ci si sia soffermati su quello di Vibo!).
Consistente, ma ancora insufficiente, il livello di organizzazione e diffusione del sistema di protezione civile, con il 36% delle amministrazioni che hanno attivato una struttura di protezione civile attiva 24 ore su 24.
Pesa sulla diffusa esposizione della Calabria al rischio idrogeologico, inoltre, una politica di informazione alla cittadinanza frammentaria e poco consistente. Sebbene l’informazione alla popolazione su quali siano i rischi, sui comportamenti individuali e collettivi da adottare in caso di calamità e sul piano d’emergenza predisposto dal proprio comune, rappresenti una delle principali attività di prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico, soltanto il 22% delle municipalità intervistate è attiva su questo fronte. Ancor peggiore la situazione per quel che riguarda la realizzazione di esercitazioni: solamente un esiguo 8% delle amministrazioni ne ha organizzata almeno una nel proprio territorio durante l’ultimo anno.
Tutti i 200 corsi d’acqua della Calabria sono caratterizzati da opere di regimazione in cemento armato, dall’escavazione degli alvei e dall’edificazione lungo gli argini mentre, proprio a causa della morfologia e delle precipitazioni sempre più violente, sarebbe necessaria la presenza di una vegetazione di sponda in grado di rallentare il deflusso e di aree libere dal cemento per consentire la naturale “espansione” dell’acqua.
Si constata inoltre come i comuni della Calabria non abbiano complessivamente messo le tematiche di prevenzione di alluvioni e frane tra le priorità del loro lavoro, l’urbanizzazione di queste aree e dei versanti franosi è l’attuale politica di gestione del territorio, ponendo a rischio la sicurezza dei cittadini. Come evidenzia il dossier Ecosistema Rischio Calabria 2009, infatti, solo il 16% delle amministrazioni svolge un’efficace politica di prevenzione, informazione e pianificazione d’emergenza.

Link:
www.calabriaora.it
www.legambientecalabria.org/home/dettaglio-comunicato.asp?quale=156
www.ilquotidianodellacalabria.it

Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...