domenica 28 febbraio 2010

COMUNALI 2010: 1 CANDIDATO OGNI 36 VOTANTI!

Saranno 610 i candidati che si contenderanno i 40 posti a sedere di Palazzo Luigi Razza, divisi in 16 liste, che sostengono i 4 candidati a Sindaco Nicola D'Agostino, Michele Soriano, Nicolino La Gamba e Tonino Daffinà. Considerando che si prevede che si attesteranno intorno ai 22.000 i voti validi, è impressionante il rapporto che ne deriva tra candidato e cittadino votante: in pratica 1 candidato ogni 36 votanti! Nessuno immagini dunque tranquilli i prossimi giorni: nessuno potrà evitare almeno un incontro quotidiano con un aspirante consigliere. Per darvi modo di organizzare al meglio - da quì a fine Marzo - le necessarie tecniche di sopravvivenza, eccone tutti i nomi:


Popolo della Libertà 1) Giuseppe Scianò 2) Giuseppe Patania 3) Incoronata Bax 4) Francesco Maria Pascale 5) Valentino Preta 6) Pietro Comito 7) Gianfranco Spanarello 8) Giuseppe Alviano 9) Ferdinando Barilaro1 0) Maddalena Basile 11) Francesco Belsito 12) Gennaro Bonaventura 13) Fernanda Maria Brasca 14) Michele Carnovale 15) Perla Ciaccio ved. Maccarone 16) Nestore Colloca 17) Francesco Contartese 18) Annamaria Contartese 19) Alfredo D’Ambrosio 20) Fausto De Angelis 21) Vincenzo De Filippis 22) Loredana De Marco 23) Marcello De Vita 24) Antonio Fuscà 25) Giancarlo Giannini 26) Maria Giurato 27) Michele La Rocca 28) Lorenzo Lombardo 29) Eugenio Aurelio Lo Stumbo 30) Caterina Macrì 31) Raffaele Manduca 32) Giuseppe Antonio Manfrida 33) Giuseppe T. Mangialavori 34) Nicola Marcello 35) Mario Mazzeo 36) Giovanni B. B. Notarianni 37) Antonio Pagano 38) Mariangela Scalise 39) Domenico Scordamaglia 40) Vincenzo Vasapollo; Per Vibo con D’Agostino 1) Antonella Ambrosanio 2) Francesca Artusa 3) Paolo Artuso 4) Alessandro Aversano 5) Paolo Francesco Barbieri 6) Giulio Capria 7) Paolo Ottavo Carbone 8) Michele Carnovale 9) Carmela Celestino 10) Rosaria Ciotola 11) Francesco Colloca 12) Luciano Colloca 13) Katia Colloca 14) Ines Criscuolo 15) Domenico Curtosi 16) Filoreto D’Agostino 17) Rocco Salvatore Deodato 18) Rosa Silvestrina Deodato 19) Antonio Fratto 20) Raffaele Giuliani 21) Claudio Isola 22) Giuseppe La Grotteria 23) Dimitri Licata 24) Maria Teresa Lo Bianco 25) Nicola Lo Torto 26) Domenico Manduca 27) Giuseppe Maria Matina 28) Francesco Modafferi 29) Cono Pirilli 30) Salvatore Restuccia 31) Salvatore Romano 32) Nazareno Rubino 33) Domenico A. D. Russo 34) Rosa Santaguida 35) Antonio Schiavello 36) Antonio Sorrentino 37) Maria Rosa Tigani 38) Domenico Tripodi 39) Tiziana Valenti 40) Pasquale Vartuli; Insieme per Vibo Valentia 1) Domenico Mazzitelli 2) Maurizio Bonanno 3) Francesco Stinà 4) Giuseppe Albano 5) Damiano Berlingieri 6) Ennio Bianchi 7) Giada Broussard 8) Giovanni Broussard 9) Paola Broussard 10) Roberto Brunetti 11) Vincenzina Caminiti 12) Salvatore Chiaramonte 13) Anna Cortese 14) Domenica Curtosi 15) Carmela Francesca De Rito 16) Domenico Di Lascio 17) Caterina D’Urzo 18) Giuseppe Farfaglia 19) Salvatore Farfaglia 20) Domenico Franzé 21) Stella Franzone 22) Rosa Giordano 23) Pasquale Greco 24) Anna Girometta25) Gianluca Grillo26) Gregorio La Gamba27) Teresina Lagonegro28) Antonio Licci 29) Nicola Mazzitelli 30) Rosanna Polito 31) Leoluca Prestia 32) Domenico Protettì 33) Annunziato Pezzo 34) Elisabetta Rachiele 35) Giuseppe Russo 36) Roberto Scervino 37) Michelina Stambé 38) Nicolino Timpano 39) Saverio Tagliacozzo 40) Salvatore Zaffino;
Partito Democratico 1) Marco V. P. S. Talarico 2) Vincenzo M. G. Insardà 3) Domenico Teti 4) Antonio Iannello 5) Gaetano Artusa 6) Francesco Barbieri 7) Francesco Calabretta 8) Maria Calcaterra 9) Domenico Antonio Cirillo 10) Fernando Cirucci 11) Serafino Colace 12) Pasqualino Colafati 13) Santo Cortese 14) Francesco Costa 15) Daniele Cugliari 16) Daniele De Sossi 17) Antonio Feroce 18) Adriano Figliucci 19) Domenico Fortuna 20) Antonino Francolino 21) Raffaele Franzé 22) Giovanni Battista Franzone 23) Michele Galati 24) Rosaria Galloro Rovelli 25) Domenico Lo Schiavo26) Maria Macrì27) Filomena Malluzzo28) Giuseppe Marasco29) Manlio Mazza 30) Maria Stella Pagano 31) Michele Petullà 32) Giuseppe Piperno 33) Cornelia Polistena 34) Giuseppe Ramondino 35) Pasquale Ruscio 36) Giovanni Russo 37) Pasqualino Serratore 38) Filippo Valia 39) Francesco Villelli 40) Bruno Virdò; I Riformisti 1) Alberto Belsito 2) Karima Benkhdija 3) Antonella Berlingieri 4) Caterina Stella Bevilacqua 5) Michele Brogna 6) Francesco Bruni 7) Luigi Bruno Ceravolo 8) Salvatore Cilurzo 9) Nicolino Colloca 10) Leoluca Antonio Curello 11) Rosa Ferraro 12) Francesco Fiorillo 13) Maria Antonietta Iozzo 14) Anna La Bella 15) Luis Humberto Lopreiato 16) Federica Luduini 17) Bruno Immacolato Manduca 18) Gianfranco Marataro 19) Giampiero Massaria 20) Pasquale Michele Mercadante 21) Foca Monteleone 22) Salvatore Monteleone 23) Antonio Naso 24) Gaetano Pacienza 25) Italo Luigi F. Papandrea 26) Maddalena Piazza 27) Mariano Biagio Antonio Piro 28) Vincenzo Proia 29) Giuseppe Pugliese 30) Gabriele Raco 31) Nicola Rizzuto 32) Domenico Ruffo 33) Francesco Maria Russo 34) Rocco Scarmozzino 35) Domenico Soranna 36) Luigi Sorrentino 37) Vito Carmelo Tavano 38) Gerlando Termini 39) Francesco Vinci 40) Roberto Vittori; Italia dei Valori 1) Giuseppe S. Maria Addesi 2) Orazio Barba 3) Giuseppe Barbieri 4) Sergio Barbuto 5) Angela Callipo 6) Maria Giuseppina Carrabba 7) Carmela Natalina Casella 8) Angelo Comito 9) Salvatore De Filippo 10) Giuseppe Delia 11) Michele Rocco Furci 12) Vincenzo Grimaldi 13) Silvio Ioppolo 14) Domenico Roberto La Bella 15) Marianna Langelina 16) Luigi Licci 17) Claudio longo 18) Domenico Lo Presti 19) Giovanbattista Macrì 20) Luisa Matera 21) Michelino Morgese 22) Giuseppe Moscato 23) Preziosa M. A. Rombolà 24) Donatella Scalzone 25) Salvatore Scardamaglio 26) Domenico Schipilliti 27) Alessandro Staiano 28) Antonio Suppa 29) Giuseppina Villì 30) Manuel Zinnà; Con e per la gente 1) Matteo Cataudella 2) Antonino Rocco 3) Pasquale Barbuto 4) Pino Mirabello 5) Francesco Piperno 6) Andrea Carrà 7) Natascia Ciaciò 8) Francesco Ciciarello 9) Salvatore Colace 10) Claudio Colaci 11) Antonio Colloca 12) Davide Giovanni Davolo 13) Maria Angela De Grano 14) Cosimo De Pinto 15) Emanuela Desiderato 16) Domenica Di Renzo 17) Antonio Esposito 18) Santino Iannello 19) Maria Rosaria Lagrotta 20) Giuseppe Liberto 21) Alfredo Antonio Lo Bianco 22) Giuseppe Maccarone 23) Tiziana Maringola 24) Vincenzo Mirenda 25) Isabella Montoro 26) Rosa Nardi 27) Vitaliano Papillo 28) Antonino Porcelli 29) Fausto Potenza 30) Massimo Putrino 31) Rosamaria Ranieri 32) Maria Rosa Restuccia 33) Antonio Rottura 34) Roberto Russo 35) Francesco Sorrentino 36) Michele Tolomeo 37) Giuseppe Valente 38) Giovanni Vattiata 39) Manuela Verdirame 40) Francesco Zappia; Uniti Per Vibo 1) Gioele Paolo Pelaggi 2) Gabriele Fusca 3) Francesco Arena 4) Domenica Cacciatore 5) Giuseppe Callipo 6) Nazzareno Carnovale 7) Daniele Cinquegrana 8) Antonio Salvatore Cirillo 9) Ramona Colombo 10) Amalia Cupo 11) Massimiliano Curtosi 12) Antonella Maria De Fazio 13) Giovanni Di Sì 14) Gregorio Fabrizio 15) Domenico Fedele 16) Rosario Ferraro 17) Caterina Gaccetta 18) Gianfranco Galati 19) Teodoro Antonino Germolé 20) Meri La Bella 21) Maria Beatrice Leone 22) Carlo Mastrilli 23) Francesco Maria Mio 24) Antonio Mirabello 25) Domenico G. S. Muratore 26) Pietro Nocera 27) Francesco Petracca 28) Gregorio Polistina 29) Filippo Prestia 30) Giovanni Antonio Primerano 31) Leonardo Francesco Pugliese 32) Francesca Raimondi D’Urzo 33) Maria Grazia Russo 34) Aurora Schiavello 35) Aurelio Michelino Tomaino 36) Rosario Tomaino 37) Nicola Francesco Turano 38) Salvatore Vaccalluzzo 39) Giandomenico Vecchio 40) Filippo Vinci; Democratici Vibonesi 1) Carmelo Aiello 2) Nicola Aprile 3) Guido Arcuri 4) Michele Artesi 5) Giuseppe Attisani 6) Rosaria Maria Barba 7) Ernesto Caruso 8) Maria Contartese 9) Giovanni Cossu 10) Carmela Costanzo 11) Ignazio D’Angelo 12) Vassilios Dafulis 13) Daniela Calzone 14) Ottaviano De Masi 15) Saverio Di Francia 16) Michele Antonio Fortuna 17) Pasquale Garzo 18) Mariantonia Giofré 19) Domenico Antonio Iannello 20) Alessandro La Bella 21) Salvatore Labate 22) Valentina Lupo 23) Giuseppe Massara 24) Maria Domenico Massaria 25) Saverio Mercatante 26) Michele Murfuni 27 Valentina Naccari 28) Stefano Fortunato Nelli 29) Antonio Pinto 30) Saverio Pometti 31) Rita Romanò 32) Antonio Scriva 33) Gregorio Serra 34) Simona Strazzullo 35) Giuseppe Tanburro 36) Antonio Tavano 37) Michele Amato; Sinistra per Vibo 1) Antonio Alessandria 2) Pantaleone Andria 3) Roberto Barbalace 4) Oreste Basile 5) Alessandro Bisogni 6) Francesco Colace 7) Francesco Colelli 8) Pietro Comito 9) Giuseppe Condoleo 10) Domenico Cosentino 11) Luca Stefano Costanza 12) Paolo Cusa 13) Vittorio Francesco De Paola 14) Vito Destito 15) Fabrizio Fabroni 16) Alfredo Federici 17) Renato Giannini 18) Ivan Greco 19) Filippo La Pera 20) Giuseppe Lo Giudice 21) Stefano Luciano 22) Giuseppe Mangone 23) Carmela Marramao 24) Giuseppe Natale 25) Giuseppina Panzarella 26) Giovanni Patania 27) Andrea Peroni 28) Domenico Rito 29) Fabio Russo 30) Giuseppe Russo 31) Ilenia Russo 32) Silvestro Scalamandré 33) Maria Scicchitano 34) Rosanna Simonetta 35) Teodoro Suppa 36) Giovanni Surace 37) Giuseppe Tassi 38) Raffaele De Nami 39) Giuseppe Ingoglia 40) Francesco Popillo; Patto per il Vibonese 1) Maurizio Bazzano 2) Antonia Calabria 3) Domenico Cirianni 4) Nazzareno Comito 5) Aldo Damia 6) Raffaele D'Amico 7) Giovanni Salvatore Di Renzo 8) Maria Foti 9) Clelia Franzè 10) Amedeo Garzulli 11) Daisy Gramendola 12) Paolo Grasso 13) Giuseppe Greco 14) Armando Andrea Grillo 15) Antonio Iraci 16) Luigi Imbesi 17) Lucia Denise La Gamba 18) Rino Logiacco 19) Giuseppe Loiacono 20) Sergio Lo Mastro 21) Simone Antonio Longo 22) Maria Luisa Lo Turco 23) Massimiliano F. Merico 24) Antonio Mirabello 25) Piero Monterosso 26) Antonio Nesci 27) Enzo Pezzone 28) Antonella Procacci 29) Giorgio Polverino 30) Michele Giovanni Racina 31) Salvatore Raniti 32) Gianluca Rubino 33) Rosario Russo 34) Paola Siciliano 35) Cosimo Scali 36) Raimondo Scrugli 37) Nicola Tavella 38) Anna Maria Vincelli Udc 1) Domenico Naso 2) Vincenzo Mobilio 3) Giuseppe Rito 4) Bruno Greco 5)Pasquale Grillo 6) Federica Genovese 7) Raffaele Iorfida 8) Giuseppe Cutrullà 9) Domenico De Luca 10) Luciano Arena 11) Pietro Amerato 12) Domenico Console 13) Rosa Caglioti 14) Giuseppe Pugliese 15) Paolo Petrolo 16) Filippo Lo Schiavo 17) Antonella Colace 18) Carlo Luigi De Caria 19) Francesco De Pietra 20) Vincenzo Pasqua 21) Antonio Ferraro 22) Maria Falzia 23) Antonio Federico 24) Teresa Giurgola 25) Giuseppe Graci 26) Giuseppe Ceraso 27) Carmelo Corso 28) Francesca Caterina Gradia 29) Eva Lo Gatto 30) Francesco Impellizzeri 31) Giuseppe Maviglia 32) Luigi Milano 33) Francesco Mirabello 34) Antonio Montagnese 35) Costantino Emanuele Panetta 36) Francesco Rizzello 37) Vincenzo Rubino 38) Andrea Sabatino 39) Riccardo Tucci 40) Carmine Vurro; Una mano per Vibo 1) Francesco Ranieli 2) Beatrice Armocida 3) Luigi Assisi 4) Serafina Bagalà 5) Rosario Barone 6) Giuseppe Braghò 7) Massimiliano Cafarò 8) Danilo Caponero 9) Luigi Cascas 10) Maria Antonietta Ciro 11) Andrea Colarusso 12) Francesco Cosentino 13) Giuseppina De Luca 14) Francesco De Vita 15) Nicola Francesco D. De Vita 16) Mario Di Fede 17) Sabatino Falduto 18) Martino Filippo Garofalo 19) Giuseppe Grillo 20) Katia Grillo 21) Diego Malerba 22) Giuseppe Gregorio Mancini 23) Francesco Messina 24) Massimo Misiti 25) Leonardo Falduto 26) Angelo Orlando 27) Domenico Paladino 28) Angelo Salvatore Palamara 29) Federico Pecora 30) Salvatore Cesare Pirito 31) Gaetano Antonio Rizzuto 32) Giuseppe Scaramozzino 33) Sabina Schiavello 34) Vito Giocondo Selvaggio 35) Francesco Sergi 36) Nazzareno Servelli 37) Ivan Restuccia 38) Carlo Taccone 39) Amelia Teresa Tavella 40) Cosimo Monteleone; Noi Sud 1) Michele Pagano 2) Stefania Sorrentino 3) Cristian De Luca 4) Nicola Florio 5) Fiorella Longone 6) Maria Dom. Ant.D'amico 7) Marco Brunetti 8) Roberto Raimondi 9) Rosario Mariano Macri' 10) Giuseppe Polverino 11) Antonio Fresca 12) Francesco Ceraso 13) Francesco Ciliberto 14) Francesco Luca' 15) Vincenzo Russo 16) Giuseppe Vetro' 17) Rosanna Orobbio 18) Giuseppe Fanelli 19) Rosario Merlo 20) Serena Signorello 21) Daniele Calafati 22) Michele Schinelli 23) Alfonso Derito 24) Filippo Franzone 25) Massimiliano Mondello 26) Vincenzo Campitelli 27) Elisabetta Francolino 28) Bruno Brizzi 29) Annamaria Orfano' 30) Francesco Frisenda 31) Domenico Francolino 32) David Marrella 33) Raffaele Pellicano' 34) Pasquale D'Andrea 35) Ivano Alvaro; Alleanza Vibonese 1) Francesco Muzzopappa 2) Domenico Carmelo Zagarella 3) Marianna Bocchino 4) Diego Brancia 5) Maria Daniela Brizzi 6) Luigi Caliò 7) Maria Annunziata Canduci 8) Andrea Cefaly 9) Sergio Cinquegrana 10) Francesco Alberto Costa 11) Cosima Colonna 12) Giuseppe Contatese 13) Annalaura Rosalia Cristofaro 14) Caterina Cugliandro 15) Rosa De Caria 16) Giuseppe De Luca 17) Annalisa Evoli 18) Giuseppe Fedele 19) Alessandro Fiamingo 20) Luigi Antonio Florio 21) Antonio Franzé 22) Carmela Fresca 23) Raffaele Danilo Fullone 24) Caterina Bruna Ada Giancotti 25) Rosaria Grillo 26) Alessandro Mancuso 27) Giovanna Rosa Martino 28) Salvatore L. Carlo Moschella 29) Enzo Domenico Murfuni 30) Anna Pannia 31) Basilio Pezzo 32) Filomena Russo 33) Katarzyna Rysiewska 34) Saverio Antonio Serra 35) Adriana Sestito 36) Antonio Sirianni 37) Nicola Solano 38) Gesualda Susanna 39) Elisabetta Ottavio 40) Gaetano Bartoluccio;
Rinascita Porto Santa Venere 1) Rocco Carmelo Cantafio 2) Roberto Abbate 3) Salvatore Leonardo Barbuto 4) Francesca Callipo 5) Francesco Canduci 6) Elisabetta Carioti 7) Salvatore Colace 8) Gaetano Currà 9) Daniele Curtosi 10) Nicola Di Betta 11) Roberto Fazio 12) Michela Rosaria Fedele 13) Francesco Ferraro 14) Roberto Finelli 15) Michelangelo Fortuna 16) Massimiliano Lo Turco 17) Domenico La Gamba 18) Francesco La Grotteria 19) Valentina Marrella 20) Emanuela Mazzotta 21) Giuseppina Meddis 22) Alex Messina 23) Veronica Moscato 24) Antonino Pata 25) Luigi Antonio Prestia Lamberti 26) Luigi Rossi 27) Romoaldo Scordamaglia 28) Valentina Morano.


Il Comitato Verso l'Autonomia di Porto Santa Venere, essendo nato solo per sostenere il progetto di legge per l'autonomia comunale, ha scelto di non partecipare ad alcuna elezione. Non partecipiamo a queste elezioni così come non abbiamo partecipato alle scorse Provinciali. Nessuno di quanti si sono impegnati o si impegneranno per l'autonomia lo ha fatto o lo farà per motivi elettoralistici, perchè comunque convinti che la macchina amministrativa di questo comune non è in grado di governare il territorio costiero e la scomparsa definitiva del decentramento renderà ancorpiù lacerante la prossima consiliatura. In virtù di tale impegno nessuna delle persone in elenco dunque potrà dirsi candidato in rappresentanza del Comitato.
In attesa di confrontarci con il prossimo Sindaco - augurandoci ami il confronto e la partecipazione più del precedente -i prossimi mesi saremo impegnati a trasformare il comitato in associazione e, partendo dal basso, riavvieremo l'iter per presentare una nuova proposta di legge presso il Consiglio Regionale.

domenica 21 febbraio 2010

SAN PIETRO: EQUIPE DI GEOSOCIOLOGI "STUDIA" IL MOVIMENTO DELLA FRANA!


Perchè la Calabria frana? Qualche studioso comincia a pensare che la terra calabrese non abbia altra scelta che imitare l'emigrante calabrese: si muove, precipitosamente o lentamente, come coloro che per sottrarsi alla disperazione ed al pessimismo, si mettono in moto, vanno altrove, scappano dai luoghi senza speranza e scelgono la fuga.
E così anche alla nostra terra ormai non rimane che andarsene.
Tale teoria scientifica ritiene dunque le frane calabresi una nuova fase dell'emigrazione: alla fuga dell'uomo segue quella della sua terra.
Il recente addio degli uliveti di Maierato o quello imminente delle querce di S. Pietro non sarebbero dunque addii silenziosi, repentini o imprevisti, così come non lo sono gli addii degli emigranti. Prima di preparare le sue valigie l'emigrante di ieri al pari di quello di oggi, ha attraversato il bosco dei diritti, la giungla della politica, l'acqua putrida della sottomissione pur di darsi dell'opportunità. Prima di darsi alla fuga ha reso visibile, nella indifferenza dei sistemati, la sua condizione di crisi, precaria ed ha rivelato urlando la sua fragilità: solo alla fine si muove.
Anche la terra calabrese comincia lo stesso movimento, ed anche questo movimento è stato preceduto dall'urlare la sua fragilità: solo alla fine si muove.
Per confermare tale innovativa tesi gli studiosi di geosociologia hanno in questi mesi piantato dei sofisticati sensori in alcuni punti strategici della citta, l'aula del civico consesso comunale e la strada che porta a S. Pietro, perchè convinti che il monitoraggio contemporaneo dell'attività amministrativa e dell'attività di frana servirà a documentare scientificamente le correlazioni esistenti tra fuga dei cervelli e fuga della terra.
Si attende la pubblicazione definitiva della loro ricerca ma alcune delle risultanze anticipate hanno messo in subbuglio gli ambienti scientifici:
esistono sorprendenti collegamenti tra la graniticità dell'amministrazione (legislatura completata o meno) e argillosità delle colline; volume dei finanziamenti e scivolamenti dei costoni; sedute deserte ed aumento del volume dei torrenti; numero delle parole scritte in delibera e numero delle precipitazioni; dirigenti avvisati e scosse sismiche ignorate; soggetti attuatori e volume delle falde acquifere. Pare addirittura che esista una forte correlazione tra esiti delle primarie (e dove non svolte, la scelta di primari) e l'arretramento o avanzamento della linea di costa!
Quello che ancora non è chiaro, stante le indiscrezioni sullo studio, è la destinazione ultima della terra che ha scelto di emigrare, muoversi, franare. Mentre è chiaro in quali regioni o nazioni emigra l'uomo calabrese, ancora non è chiaro verso quale regione o nazione si dirige la terra calabra.
Gli scienziati però tranquillizano e confermano che al termine dello studio tutto sarà chiarito: attendono solo di confrontare i dati della prevedibile frana di S. Pietro con quelli dei prevedibili esiti elettorali!
E per tranquillizzare la comunità scentifica hanno deciso di consentire al nostro blog la pubblicazione esclusiva di alcune foto (recentissime: realizzate solo la settimana scorsa!) a corredo del loro studio in cui risulta visibile ed evidente la correlazione temporale tra vuoto d'aula del silente consesso civico ed il vuoto tra le crepe della frana silente!

giovedì 18 febbraio 2010

LO SBARCO DEGLI ALLEATI A PORTO S.VENERE (1943)

Il 3 settembre 1943 l' VIII Armata del generale Montgomery sbarcava in calabria dopo aver conquistato la Sicilia.Iniziava l'operazione "Baytown".
Dopo aver occupato Reggio, la 5^ Divisione di Fanteria Britannica e la 1^Divisione di Fanteria canadese iniziano a risalire la penisola, mentre le forze tedesche presenti in Calabria, la 26^ e la 29^ Divisione Panzer Granadier, si ritirano velocemente verso nord in previsione di uno sbarco anglo-americano in grande stile, che avverrà a Salerno il 10 settembre.
Con l'intento di tagliare la ritirata ai reparti della 29^ Panzer Grenadier, che avevano già abbandonato la linea Nicotera-Laureana, nella notte tra il 7 e l'8 settembre, gli Alleati effettuano uno sbarco "hook" da tergo "near Pizzo at Porto Santa Venere".
La storia di quello sbarco e dei combattimenti che ne seguirono viene qui ricostruita servendosi della documentazione ufficiale di fonte britannica (H.M.S.O.-Herr Majesty's Stationary Office,London). Da tale fonte si apprende che il 6 sett.1943, il gen.Dempsey aveva deciso che la 231^ Brigata, detta Brigata Indipendente, tenuta fino allora di riserva, sarebbe sbarcata la mattina del giorno 8, avrebbe costituito una testa di ponte a Porto S.Venere e tentato di tagliare fuori le truppe tedesche in ritirata, posizionandosi di taglio alla strada statale 18, che era l'arteria utilizzata dalle divisioni germaniche.
Le navi h.m.s.(herr majesty's ship) "Erebus" (pontone armato), "Aphis" e "Scarab" (cannoniere) avrebbero assicurato l'appoggio navale. Il vice-maresciallo dell'Aria Broadhurst aveva, dal canto suo, organizzato un imponente supporto aereo: 90 caccia-bombardieri inglesi "Kittyhawks" per attaccare le posizioni tedesche; 70 kittihawks americani con il compito di kitragliare a bassa quota e bombardare a tappeto; oltre a 25o "Spitfires" disponibili per assicurare un continuo pattugliamento sulle truppe da sbarco, mentre il servizio di ricognizione sarebbe stato assicurato dal 225^ squadrone R.A.F.
Il tempo per preparare l'operazione, considerando che il convoglio d'assalto era partito da Messina alle 6.3o p.m. del 7 settembre, era stato molto limitato, per cui non fu possibile trovare con precisione il punto esatto per effettuare lo sbarco. Era infatti stato dato come riferimento il "breakwater"(frangiflutti) di Porto S.Venere. Presumibilmente si trattava della barriera di "Pennello" posta a ridosso del porto e non del molo, che in inglese viene indicato con la parola "dock". Ma nell'oscurità di quella notte, risultò impossibile scorgere il suddetto breakwater. Il risultato fu che la mattina dell'8 le prime truppe sbarcarono in un posto diverso da quello previsto. Fortunatamente per loro, gli inglesi non incontrarono resistenza, eccetto qualche sporadica raffica proveniente dalla sorveglianza costiera. Ma alle 8.15 a.m., appena le truppe uscirono dai mezzi da sbarco per guadagnare le posizioni, piombò su di esse una colonna mobile della 26^ Panzer Grenadier guidata dal 4^Reggimento Paracadutisti. Alle 9.4o otto bombardieri tedeschi in picchiata attaccarono il naviglio al largo. Nel pomeriggio il colonnello von Usedom ordinò un attacco da sferrare con determinazione sul reggimento inglese "Hampshire", che teneva la parte nord delle posizioni alleate. Ne seguì una violenta battaglia caratterizzata da combattimenti ravvicinati, spesso corpo a corpo. L'attacco tedesco non ebbe successo e verso l'imbrunire l'intera colonna tedesca si ritirava verso nord. A testimoniare che si trattò di una dura battaglia e non di una semplice scaramuccia, bastano i dati forniti dalla fonte britannica: i caduti fra le forze alleate ammontarono a circa 200, mentre tre mezzi da sbarco e una torpediniera vennero affondate; non sono fornite notizie in merito alle perdite in campo tedesco ma si menzionano soltanto 11 pezzi d'artiglieria e nove veicoli distrutti. Nelle sue memorie il col. Molony scrisse:"Non vi é dubbio che l'operazione di Porto S.Venere ebbe un importante peso nell'accellerare la ritirata tedesca".
The 251 Brigade on Vibo Valencia Marina, some 25 miles behind the German Line, on 8th September, 1943 and this officer, while in command of L.S.T.65
I pochi abitanti che all'epoca vivevano a P.S.V. videro attraversare le strade del piccolo borgo marinaro da un'armata molto pittoresca. L'8^ Armata, infatti, era forse la formazione più cosmopolita che si potesse immaginare. Comprendeva, oltre ai reparti inglesi e scozzesi, polacchi, australiani, neozelandesi, francesi liberi, sudamericani, indiani, compresi i "gurkhas" con i loro caratteristici turbanti e i lunghi coltelli ricurvi con cui, si diceva, decapitavano i nemici. Ma qualche testimonianza afferma che essi, nei loro discorsi con la gente del posto, non manifestassero molta simpatia per gli inglesi(l'India era ancora colonia britannica).
Alle 19.45 di quel giorno, radio Roma e la B.B.C. comunicarono la notizia della resa incondizionata dell'Italia. Fu così che a Porto S. Venere si era conosciuta la guerra il giorno stesso in cui era finita.
Subito dopo lo sbarco e la ritirata tedesca, gli Alleati trasportarono materiale di ogni genere e il porto di S.Venere verrà utilizzato come area di rifornimenti per la 5^ Divisione britannica che proseguì l'avanzata avendo come prossimo obiettivo Nicastro, occupata tra il 9 e il 10 senza incontrare resistenza.

Nota semiseria: é curioso osservare come le fonti inglesi non menzionino mai il termine Vibo Marina (né,tantomeno, quello di "Marinate"), ma identifichino il luogo dello sbarco come "Porto S.Venere". Più che per aver "liberato" la nostra cittadina, saremo, per questo, sempre riconoscenti verso gli inglesi. Come segno di eterna gratitudine, meglio che restare in eterno amministrati dal Comune di Vibo, potremmo chiedere di diventare leali sudditi di Sua Maestà Britannica...

martedì 16 febbraio 2010

QUEI DANNI NON INDENNIZZABILI DEL FIUME SANTA ANNA NELLE "MARINATE" DI IERI ... E DI OGGI!

Per puro caso abbiamo ritrovato, all'Archivio di Stato di Vibo, un atto di fitto delle "marinate" di Bivona del 1853 utile a comprendere quanto sia antica la fragilità idrogeologica di quell'area e dunque a non ritenere un " caso sfortunato" che oggi si siano potute costruire case - nella prima e seconda traversa di via delle Calabrie, che "galleggiano" sull'acqua [vedi articolo di M.L. Conistabile su Gazzetta del Sud ed i nostri post].
Succede sempre così negli archivi, mentre cerchi un documento tra un foglio notarile ed un altro, ne trovi altri importati. La trascrizione riporta la localizzazione precisa delle Marinate (termine quanto mai inopportuno con il quale oggi molti sono soliti indicare impropriamente l'insieme dei centri abitati costieri) in Bivona, ma ancorpiù dimostra le necessarie "cautele idrogeologiche" con cui l'Amministrazione Ducale della città ne fittava i terreni.
Ma andiamo alla lettura del documento:

"Regno delle due Sicilie. Nel giorno ventuno di agosto milleottocentocinquantatre (21.08.1853), Ferdinando Secondo per la grazia di Dio Re del Regno delle due Sicilie, di Gerusalemme, Duca di Parma, Piacenza, Castro, Gran Principe ereditario di Toscana, Nella presenza di Noi Giuseppe Costantino Domenico, notaio residente in Monteleone e dei sottoscritti testimoni da noi conosciuti ed idonei, si son personalmente costituiti:da una parte il signor Don Giovanni Francesco Saragò del fù Angelo, Cassiere dell'Azienda dello Stato di Monteleone per sua Eccellenza il Signor Duca di Terranova e Monteleone, erede beneficiato del Duca D. Diego suo padre; e dall'altra il signor Don Fortunato Sannà fu Francesco Paolo, Don Luigi Costanzo fu Saverio e Don Filippo Genovese fù Vincenzo. Tutti e quattro proprietari domiciliati in Monteleone. In Forza di questo atto essi costituiti Sannà, Costanzo e Genovese, si obbligano solidalmente senza beneficio di divisione, e con arresto personale, ai termini dell'articolo 1931 e seguenti delle Leggi Reali, da noi istruiti, di puntualmente pagare qui in Monteleone, al Signor Saragò nel nome suddettola somma di ducati Novecentosessanta ad annui ducati duecentoquaranta, e questi in ogni giorno quindici Agosto, facendo il primo pagamento a quindici agosto milleottocentocinquantaquattro,e così di anno in anno fino al milleottocentocinquantasette (1857), epoca dell'ultimo pagamento che sono per lo fitto di anni quattro a decorrere dal primo settembre di questo anno fino a tutto agosto milleottocentocinquantasette delle terre del suddetto Signor Duca dette "Marinate" e terre ed orto del Castello, siti nella marina di Bivona. Oltre le obbligazioni di sopra assunte, essi fittuari si sottopongono ai seguenti patti, cioè
Primo di ritornare al termine del fitto tutti i terreni prosciugati, non potendo pretendere per cotesti prosciugamenti indennizzo alcuno, ciò essendo condizione integrale del contratto, e di lasciare per conto dell'Amministrazioneda oggi fino a tutto Settembre, dico, fino al giorno primo Settembre di questo anno, una tumolata di terreno a di lei scelta da escomputarglisi a quella ragione che ricadrà il fitto, restando a libertà dell'Amministrazione medesima di volerla cedere agli stessi fittuari, cui dovrà dirlo a tutto il giorno primo settembre di quest'anno; Messo questo termine resta per conto di essi fittuari pagando l'intera mercede.
Secondo, i fossi ed i ripari onde tenere prosciugati i terreni sono a carico dei conduttori;
Terzo, essi fittuari si obbligano a ben tenere e coltivare i terreni medesime, prestando tutte le cure possibile per la buona custodia e tenuta di detti terreni colle cure di buoni e diligenti padri di famiglia;
Quarto, essi fittuari infine rinunziano a tutti i casi fortuiti preveduti ed impreveduti e a quelli cagionati dalla fiumara Santa Anna, e particolarmente ai danni che potranno avvenire a causa del fabbricato che il Signor Francica si fece in detto fiume, non potendosi impedire o domandare per siffatti danni alcuna giustifica, poichè espressamente vi rinunziarono a condizione di questo contratto, obbligandosi ancora di mantenere il detto fiume di Sant'Anna nel suo attuale corso, con assenso dei fittuari (...)"

Dunque ... per rendere coltivabili i terreni delle Marinate era necessario periodicamente effettuare operazioni di prosciugamento, mantenere in cura i fossi ed i ripari, non modificare assolutamente il corso del fiume Sant'Anna. La cosa sorprendente è che i fittuari, prevedendo già in quell'estate del 1853 che nei successivi quattro anni di fitto potessero verificarsi eventi imprevedibili dovuti alla fiumara del Sant'Anna, fossero per contratto "costretti" a non pretendere e o richiedere alcun indennizzo all'Amministrazione dello Stato di Monteleone per i danni che fossero direttamente o indirettamente legati al fiume per la costruzione - sullo stesso fiume! - del fabbricato del Signor Francica (?)!
E' dunque dimostrato che nulla nell'amministrazione del territorio è cambiato da allora: si concede di costruire anche in luoghi inedificabili e nessuno deve poi rivendicare pretese di rimborso per i possibili danni.
Il torrente è lo stesso, la falda pure ... ma a pensarci bene allora si era più corretti: tutto lo si documentava nero su bianco e controfirmato davanti ad un Notaio e ... se proprio volevi coltivare le Marinate di Bivona te ne assumevi le responsabilità ed i rischi! Altro che anno zero!

domenica 14 febbraio 2010

PER QUALCUNO SONO SOLO PICCOLE CONSEGUENZE ... DI PIOGGIA CARNEVALESCA ...

Dal sito web de Il Quotidiano della Calabria riportiamo integralmente:
Maltempo. Una frana si stacca dal costone sopra Pizzo.
Il maltempo che sta imperversando nel territorio regionale non ha risparmiato il Vibonese e proprio a causa delle piogge incessanti una frana si è staccata dal costone che sovrasta Pizzo

"14/02/2010. Le piogge che incessantemente stanno cadendo da oltre 72 ore nel vibonese, nel pomeriggio di oggi hanno causato frana del costone che sovrasta la litoranea che collega Pizzo Calabro con Vibo Marina, nel tratto a monte della vecchia stazione ferroviaria della cittadina tirrenica. Apocalittiche, così sono state definite le immagini che si sono presentate ai soccorritori. La frana, infatti, ha trascinato con sè, ostruendo di fatto tutta la carreggiata stradale della ex statale 522, un fabbricato adibito a cabina elettrica che alimentava tutto il rione Stazione. In quel momento per fortuna lungo quel tratto non transitavano mezzi. Nondimeno per sgombrare qualsiasi dubbio, i carabinieri della locale stazione hanno fatto confluire i cani del gruppo cinofilo per controllare che non vi fossero sepolte delle persone. Sul posto anche gli operai dell’Enel che hanno bloccato la corrente dell’alta tensione, mentre vigili del fuoco ed alcuni operai della Rete ferroviaria unitamente alla Polizia municipale di Pizzo, hanno deviato il traffico verso la statale 18 per Tropea. Un pomeriggio di apprensione insomma e di gran lavoro per le forze dell’Ordine i quali mentre erano impegnati con la prima frana, hanno dovuto fare i conti con un’altra massa di terra che sempre nello stesso punto è precipitata a valle.
In serata è stato fatto confluire un grosso generatore elettrico per servire tutto il rione Stazione rimasto al buio e i vari mezzi cingolati. Si prevede che i lavori proseguiranno per tutta nottata."

martedì 9 febbraio 2010

Giuseppe Maria Galanti(1743-1806) e la "scoperta" di P.Santa Venere

La mattina del 7 giugno del 1792, una feluca lascia la marina di Tropea. La barca trasporta un personaggio importante, inviato dal re di Napoli in missione in Calabria con il compito di visitare la regione e relazionare sul suo stato all'indomani del disastroso terremoto del 1783.
Nonostante il mare quasi calmo e il vento in poppa, i marinai addetti al servizio del Re obbligano i passeggeri a prender terra alla Rocchetta di Briatico per timore di una tempesta. Dopo cinque ore di cammino arrivano a Bivona. Qui, però, non trovano ad aspettarli, a causa di un equivoco, l'amministratore Biondi, per cui decidono di proseguire il cammino.
"Dov'era l'antico porto vi sono lagune che infettano l'atmosfera...Due o tre miglia distante da Monteleone ed in altrettanta distanza dal Pizzo, vi é un luogo molto opportuno per costruirvi un porto molto vasto. Si chiama Santa Venere. Il luogo merita attenzione. Si aspetta una distinta perizia colla pianta".
A scrivere queste impressioni di viaggio era Giuseppe Maria Galanti. Nel pieno della tempesta scatenata dalla rivoluzione francese, il governo del regno di Napoli aveva assegnato ad uno dei suoi uomini migliori la missione di visitare la Calabria. Iniziava un viaggio che porterà uno dei più grandi illuministi italiani di fronte alla desolazione di una terra devastata dalla natura ma ancora di più dai suoi abitanti e da un governo incapace di rispondere con riforme efficaci al disfacimento del tessuto politico e sociale. Il "Giornale di Viaggio" che Galanti scrive in questa occasione é una straordinaria testimonianza sullo stato della regione quasi all'inizio dell'800, ma che svela anche molteplici e inquietanti tracce di un gravido passato ancora troppo attuale.
Il 9 maggio era già passato da Monteleone. Le sue annotazioni sui monteleonesi non erano state molto benevole(...la popolazione di Monteleone ha un gran numero di gente oziosa, detti nel paese "spanzati", i quali sono ordinariamente inquisiti.Questa indisciplinatezza é qui per sistema. Il Tribunale é senza forza, mentre ha pochi soldati...).
"Il paese non ha porti. Il detto tesoriere ha assicurato che presso Bivona vi é un porto ch'é stato interrato dal fiume Trainiti.Tra questo luogo ed il Pizzo, li genovesi hanno scoperto un luogo assai adatto al porto di oggi: Santa Venere. Qui nell'inverno passato si salvarono da una forte burrasca cinque bastimenti. Il duca di Monteleone vi esige l'ormeggio. Si assicura che con 15.000 o 20.000 ducati si potrebbe costruire un ottimo porto, capace di moltissimi bastimenti...Lo stesso tesoriere Gagliardi ha promesso di rimettersi una pianta di detto luogo...
La pianta con la perizia arriverà sul tavolo dell'ammiraglio Acton, ministro della Marina, in 27-2-1793. Dopo una miriade di relazioni, perizie e piante, fatte da innumerevoli commissioni, il Re decreterà, in data 21.9.1858. la costruzione del porto, scegliendo Santa Venere fra le altre pretendenti fra cui Tropea,Pizzo,Scilla,Paola. Ma il merito principale di questa scelta si deve all'intuizione del Galanti, che può essere considerato uno dei più grandi illuministi italiani. Dalle sue numerose opere traspare una straordinaria modernità di vedute, unita ad un sodo realismo. Propose varie riforme, tra cui il decentramento amministratio nelle province, la trasparenza dei bilanci pubblici e una riforma fiscale per determinare la reale capacità contributiva del cittadino.
Intorno al porto si svilupperà, negli anni, un importante centro costiero, che ancora attende un adeguato riconoscimento della sua importanza.
E' per tutto questo che ,per noi, Giuseppe Maria Galanti rimarrà, idealmente, uno dei padri fondatori della nostra cittadina.

venerdì 5 febbraio 2010

AMMINISTRATIVE 2010: CIRCOSCRIZIONI ADDIO!

Ad arte, in questi giorni, si è mantenuta forte - per il lubrificato sistema dei partiti vibonesi di moltiplicare il proprio consenso elettorale - la tranquillizzante (per loro) voce che anche in questa tornata elettorale si sarebbero regolarmente svolte quelle folklorico-circoscrizionali.
A spazzare via definitivamente questa soporifera voce e tranquillizzante prassi giunge la nota di ieri della Prefettura di Vibo Valentia, che nella circolare [scarica testo integrale dal sito delle Preferrura] avente per oggetto "Elezioni regionali ed amministrative 2010. D.L. 25/01/2010 n. 2 "interventi urgenti concernenti enti locali e regionali" inviata agli organi competenti ed hai mezzi di informazione, precisa:
"Ai fini dell’accertamento del numero dei consiglieri da eleggere in occasione delle elezioni comunali che si terranno in provincia di Vibo Valentia il 28 e 29 marzo p.v., si richiama l’attenzione delle SS.LL. sulle disposizioni del decreto-legge 25 gennaio 2010, n. 2, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Generale – n. 20 del 26 gennaio 2010 ed in vigore dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione. In particolare l’art. 1, comma 1, in fine, del citato decreto-legge estende ai consiglieri provinciali la riduzione di numero, nella misura pari al 20 per cento con arrotondamento all’unità superiore, originariamente stabilita solo per i consiglieri comunali dall’art. 2, comma 184, della legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria 2010).
Lo stesso decreto-legge n. 2/2010, tuttavia, all’art 1, comma 2, ha previsto che alcune disposizioni della legge finanziaria 2010, fra cui quelle relative alla riduzione del numero dei consiglieri, si applichino solo a decorrere dall’anno 2011 ai singoli enti per i quali avrà luogo il rinnovo del rispettivo consiglio, con efficacia dalla data del rinnovo medesimo. Conseguentemente, risulta differita all’anno 2011 l’attuazione della predetta disposizione riguardante la riduzione del 20 per cento del numero dei consiglieri comunali e provinciali.Ai sensi dell’art. 1, comma 2, del decreto-legge n. 2/2010 resta parimenti differita al 2011, con riferimento alle amministrazioni comunali che andranno al rinnovo elettivo a decorrere da tale anno, l’efficacia applicativa della disposizione di cui all’art. 2, comma 186, lettera b) della citata legge finanziaria 2010 che ha soppresso le circoscrizioni di decentramento comunale previste dall’art. 17 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267.Resta inteso che, per le amministrazioni comunali i cui organi di governo verranno rinnovati nelle consultazioni del 28 e 29 marzo p.v., va richiamata l’applicabilità del vigente testo del citato art. 17 del decreto legislativo 267/2000, come modificato dall’art. 2, comma 29, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008), per l’effetto del quale le circoscrizioni sono ancora per l’anno in corso obbligatoriamente costituite nei comuni con popolazione superiore a 250.000 abitanti, secondo i risultati dell’ultimo censimento ufficiale del 2001, mentre possono essere costituite, con idonea previsione statutaria e regolamentare, solo limitatamente ai comuni con popolazione compresa tra i 100.000 e i 250.000 abitanti (al censimento 2001), con l’ulteriore limite, nei comuni appartenenti a quest’ultima fascia demografica, che la popolazione media delle relative circoscrizioni non possa essere inferiore a 30.000 abitanti (censimento 2001).

Ciò posto, non potranno essere rinnovati gli organi delle circoscrizioni nei comuni con popolazione inferiore a 100.000 abitanti, secondo i risultati del censimento del 2001, in quanto le stesse circoscrizioni sono state soppresse dal citato articolo 17 del decreto legislativo n. 267/2000."
In soldoni ... le Circoscrizioni del nostro comune sono state definitivamente soppresse dalla legge!
Ora ... visto che la stessa legge stabilisce che potranno essere istituite circoscrizioni solo con un numero di abitanti pari o superiore ai 30.000 abitanti, secondo voi, raggiungendo a stento l'intero comune di Vibo Valentia i 35.000 abitanti, quale sarà la sorte che il prossimo Consiglio Comunale - del caso decidesse di affrontare lo spinoso argomento - ci riserverà? Ma al di là di questo ... come si riorganizzeranno i partiti vibonesi per ricontrollare il consenso delle aree costiere con i loro supporter elettorali? Quali prospettive TERRIBILI toccheranno alla nostra comunità costiera?

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...