giovedì 3 marzo 2011

LA FRANA DI S. PIETRO SI ALLARGA ... MA NON DA SOLA!

Tutto ci aspettevamo di scoprire oggi pomeriggio, ma non quello che abbiamo scoperto! Abbiamo scoperto un modo tutto "vibonese" (ma forse potremmo estendere tale peculiarità all'intera regione) di "curare" una frana!




Nel filmato di ieri ne abbiamo visto il fronte, che copriva in parte la carreggiata, ma con grande meraviglia abbiamo scoperto che nel pomeriggio l'intera strada era coperta da una montagna di terra! La frana è avanzata? No, tutt'altro! E' ancora intervenuto l'uomo, che con un calibrato movimento di terra ha pensato bene di dare una mano a coloro che l'anno prima avevano riempito il costone di reti e tagliato le querce! In sostanza si riempie di terra tutta la carreggia e si utilizza il cumulo che si crea ... come rampa di lancio di una ruspa, che da tale altezza può comodamente allargare il fronte frana!




Giusto! Che male c'è a togliere la terra che si muove? Nessuno!
Il problema è capire solo due cose:
Chi deciderà quando sarà il caso di smettere di scavare e in virtù di cosa? Si userà come criterio il numero complessivo della decimazione di quercie o degli ulivi? Si userà come criterio il movimento dei mezzi? Si userà come criterio la larghezza del taglio della collina? Oppure si userà come criterio il numero dei giorni ai quali sarà impedito agli abitanti di San Pietro di raggiungere le loro case?
Ovviamente a noi cittadini non è dato sapere nulla! Sappiamo solamente che se si continua così ... il prossimo acquazzone non promette nulla di buono!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Add this article to your bookmarks.

calabrisella ha detto...

come volevasi dimostrare! ma si può sapere i nomi di coloro che hanno messo in sicurezza il versante collinoso con queste reti? e possibilmente denunciarli..

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...