lunedì 25 luglio 2011

ECCEZIONALE FURTO IN CALABRIA: IGNOTI RUBANO RETE FERROVIARIA PORTUALE!



2010 - Google Earth: Identikit della linea ferroviaria portuale rubata! 

Luglio 2011 - Nessuna traccia dei binari portuali

Da non credere: è bastata una semplice passeggiata lungo le banchine del Molo Verde del Porto di Vibo Valentia per scoprire un furto incredibile perpetrato ai danni di una intera comunità.
Ignoti hanno sottratto - giorno tempo - gli storici binari della linea ferroviaria portuale, scollegando definitivamente l'importante tratta marittimo-commerciale del porto alla linea ferroviaria nazionale!
Ci si domanda come sia potuto accadere che un simile furto possa essere stato realizzato impunemente sotto gli occhi di tutti e che allo stato, nonostante l'evidente sottrazione, nessuno abbia esposto denuncia alle autorità competenti e così, come sempre ... tocca a noi mettere in evidenza un altro caso paradossale delle vicende cittadine.

Sospettiamo che il turpe atto possa essere stato perpetrato durante i lavori di rifacimento della Banchina Fiume, lavori che hanno consentito ai rapinatori di passare inosservati tra le centinaia di operai, operatori portuali e marittimi, operarando praticamente indisturbati.
L'audace colpo però non poteva certo realizzarsi senza omplicità locali, visto che l'evidente rimozione dei binari in quel tratto di banchina sia stato poi coperto con uso inusitato di bitume, estendendone la messa in posa sino alle Banchine Pola e Tripoli, con l'evidente intenzione di coprire quasi per intero il tratto ferroviario portuale, occultando così ogni fonte di prova! 

Luglio 2011 - Ultima traccia visibile della ferrovia portuale

E' inutile spendere ulteriori parole sul danno arrecato all'intera regione con questo inspiegabile furto del gateway ferroviario portuale, per il quale il porto di Vibo Valentia conquistò il suo primato nell'immediato dopoguerra ... certo però non possiamo esimerci dal constatare che da oggi il porto di Vibo conquista il poco invidiabile primato d'essere l'unico porto nazionale del tutto scollegato dalla rete ferroviaria nazionale! Non sappiamo se si stia già indagando sulle ragioni che hanno spinto un gruppo criminale di tal fatta a realizzare un colpo di simili proporzioni, nè se sia possibile ipotizzare complicità interregionali o internazionali, certo è che un simile colpo non sarebbe stato possibile senza il concorso delle autorità locali, vista l'esistenza di autorizzazioni alla copertura delle banchine interessate con uno spesso manto bituminoso!


Sappiamo, nonostante ancora non si registrano reazioni da parte dei viventi, che intere generazioni di vibonesi si stanno rivoltando nella tomba per tale furto, in particolar modo quanti si erano spesi nel corso degli ultimi settantanni per collegare il nostro sistema portuale alla tratta ferroviaria Battipaglia-Reggio Calabria. Fu proprio questo investimento strutturale deciso dai governi nazionali che consentì il decollo commerciale del porto negli anni 50/70, tanto che gli valsero l'attuale classificazione tra i porti dello Stato.

1955 - Operazioni di sbarco su vagoni ferroviari

Sono già evidenti le conseguenze a tale insulso gesto: già si alimentano le voci che dicono vicino il declassamento del porto di Vibo a miserrimo porto regionale, così come si susseguono le dichiarazioni di stizza di quanti dicono ormai inutile ogni investimento statale sulla struttura, compreso quello dei 20 milioni di euro per la sua messa in sicurezza!
Sorprende la reazione della politica vibonese, che dichiara d'essere del tutto ignara dell'esistenza di quel tratto ferroviario.
La cappa di silenzio che ha avvolto l'inopinato furto di fatto porta ad escludere che qualcuno possa costituirsi parte civile e rivendicare il risarcimendo del danno procurato alla regione o quanto meno possa adoperarsi per la restituzione del maltolto!
Ovviamente non sappiamo se basterà questa nostra segnalazione per aprire un fascicolo per "furto con scasso" ed avviare le opportune indagini per assicurare alla giustizia il gruppo criminale ... certo è che,  nel caso vi saranno indagini, qualunque strada seguiranno non sarà certo quella ferroviaria! 

Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...