lunedì 14 gennaio 2013

TONNARA DI BIVONA: AL DANNO LA BEFFA! IL FINANZIAMENTO PER COMPLETARE LA LOGGIA C'E' ... MA NON SI POTRA' USARE PER 10 ANNI!


Avevamo esultato ... ma il quotidiano disastro amministrativo sembra rendere vana ogni speranza legata al destino della Tonnara!


Nei giorni scorsi, grazie ad una visita a sorpresa dell'Assessore alla Cultura della Regione Calabria M. Caligiuri, si erano riaccese le speranze sul futuro della Tonnara di Bivona e del suo Museo: considerato il valore storico-culturale del monumento di archeologia industriale l'impegno è stato garantito. In pochi giorni infatti è stato scongiurato il rischio che il finanziamento legato al completamento della Loggia (di ben 135.000 euro), visto che da un anno non era stato speso, venisse ritirato (vedi lettera).

Ma la soddisfazione del ripristino del finanziamento è svanita lo stesso giorno della sua conferama!
Le condizioni finanziarie dell'Amministrazione Comunale e l'approvazione del Piano di Riequilibrio Finanziario - dicono fonti dell'ente - non consentiranno per i prossimi mesi (e forse addirittura per i prossimi 10 anni) ad accedere ad alcun Mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti!
Già, perchè il finanziamento regionale di 135.000 è legato ad un mutuo, del quale il comune dovrebbe farsi carico degli interessi!

Lettera di proroga di ulteriori 180 gg. del finanziamento
 per la Tonnara di Bivona


Questa condizione è allucinante ... perchè getta nello sconforto tutti!
Come sarà possibile superare questo ostacolo finanziario? E' pur vero che aderendo al Piano di riequilibrio finanziario pluriennale per un decennio, non si potrà accedere alla Cassa Depositi e Prestiti che per coprire debiti fuori bilancio ... ma è altrettanto vero che questa è una spesa d'investimento strutturale, senza il quale verrebbero resi vani investimenti finanziari di 3 milioni di euro!!!
Dunque consigliamo - considerando che se si agirà entro i prossimi 180 giorni si potrà fruire del finanziamento - all'amministrazione comunale di non tentennare oltre o di non preferire a questo unico investimento sulla costa ad altri sulla collina, e di procedere celermente all'assunzione del relativo mutuo, in deroga ai limiti di cui all'articolo 204, comma1, previsti dalla legislazione vigente!

Leggi l'articolo della Gazzetta del Sud che riprende il nostro appello: 
 https://docs.google.com/file/d/0BwtIB6KdhikdSGxwbzNFcUNPSWM/edit


Nessun commento:

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...