martedì 13 maggio 2008

15 LUGLIO 1945


... La guerra è terminata da poco e la piccola comunità costiera si riappropria degli spazi urbani. Nell'area sconvolta dal bombardamento del '43 si realizza un campetto di calcio e la "S.S. Porto Santa Venere" sfida, in quello che deve essere stato un divertente quanto "terapeutico" incontro, la "S.S. Calce & Cementi" (foto).
Della formazione dei cementieri è possibile riconoscere Michelino De Seta (al centro degli inginocchiati), ma solo perchè era il proprietario della foto; con il vostro aiuto sarebbe fantastico riuscire a dare un nome ai componenti delle due squadre, ed ovviamente, risalire al risultato della sfida!

7 commenti:

Anonimo ha detto...

il campetto di calcio del 1945 si trova dov'è adesso. stadio Marzano.

Moderatore ha detto...

No. Il campetto si trovava in quello che oggi è il centro del paese. L'area, per usare un eufemismo, venne "spianata" dal bombardamento aereo, e successivamente adoperata a campetto. Di recente è stata "ristrutturata" in villettina, con area giochi per bambini, ed è proprio affianco del plesso Presterà, scuola elementare.

Francesco Contartese ha detto...

Adesso ho capito dove era su via Campania dove ce ora la villetta con i giochi. Di fronte casa mia dalla parte di dietro.

E una bella cosa sapere come era questa zona prima. E prima ancora del bombardamento cosa c'era.

Moderatore ha detto...

Prima c'erano le tre casette distrutte dal bombardamento, delle quali abbiamo ricordato le vittime in un altro post (fai una ricerca, sulla striscia blu in alto, con il termine "bombardamento").
Un'altra curiosità. Lo sai cosa c'era nella tua casa? Prima del vostro acquisto e restauro, nell'antico palazzotto, al quale si accedeva da un bell'atrio con scalone centrale, c'era al primo piano la biblioteca comunale, mentre ai piani terra la delegazione municipale e l'ufficio di collocamento! Già, proprio così... in passato avevamo più servizi di oggi!

Francesco Contartese ha detto...

interesante sapere queste cose, non sapevo che prima casa mia era così, ci sono foto storiche per vedere.

c'era al primo piano la biblioteca comunale, mentre ai piani terra la delegazione municipale e l'ufficio di collocamento! Interessante oggi invece abbiamo una delegazione comunale con barriere architettoniche.

Moderatore ha detto...

Già! E le barriere, dove non ci sono le creano: hai provato a fare un giro sul corso M. Bianchi? Dico sui marciappiedi, non sulla strada quando è chiusa al traffico. Esiste una parte talmente piena di "barriere" da essere invalicabile, tra piante, tavolini e quant'altro. Se riesci a passarci o ad attraversare la strada... saresti un campione olimpico! Le barriere le crea l'uomo quando pensa solo a se stesso; quando pensa sinceramente all'altro... tutte le barriere crollano!
Se trovo qualche foto di quando casa tua era di tutti... la pubblicherò di sicuro!

Francesco Contartese. ha detto...

E vero le barriere, dove non ci sono le creano, certo i tavoli sul corso quando il traffico è aperto ce questo problema, lo noto pure io, i tavolini e piante e quant'altro dovrebbero metterli in modo di lasciare il passaggio. Invece con la carrozzina o a piedi deve passare nella strada.

Ok Se trovi qualche foto di quando casa mia era di tutti pubblica pure dall'altronde era casa di tutti, prima del 1945 c'era quello che ai detto prima biblioteca ecc.., e dal bombardamento era casa privata.


Tu di chiami scusa...

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...