venerdì 29 febbraio 2008

IL CONSIGLIO APPROVA!

Fantastico! Un altro importante tassello è stato posto a dimostrare efficacemente l'ampio consenso di cui gode la proposta sul nuovo assetto amministrativo:
il Consiglio della I Circoscrizione ha espresso il suo parere favorevole (all'unanimità dei presenti) alla costituzione del comune di Porto Santa Venere!
Un'altra data storica è stata scritta dai cittadini e dai suoi rappresentanti istituzionali, ed anche in questa occasione erano presenti il Presidente del Consiglio Comunale e l'Assessore al Decentramento.
La proposta diventa ogni giorno più forte e credibile: constatiamo con soddisfazione come, alla data odierna, all'iniziale consenso maturo e diffuso, in soli 50 giorni, si siano aggiunti i circa 3000 aderenti al Comitato e gli unanimi pareri favorevoli della I e della IV Circoscrizione!
Ora possiamo rappresentare con maggiore vigore le ragioni del si nelle prossime tappe del nostro lungo ma unitario cammino! Il prossimo passo? Ma non può che essere che con i Consiglieri Regionali espressi nella nostra provincia!!!
Anche in questo caso, appena pubblicata all'Albo Pretorio, questa delibera sarà pubblicata sul nostro blog.

STASERA TOCCA ALLA I CIRCOSCRIZIONE!

Convocazione del Consiglio della I Circoscrizione (Longobardi, S.Pietro)
Oggi 29 febbraio 2008 alle ore 17,30 si terrà la riunione del Consiglio della I Circoscrizione (Longobardi - S. Pietro).
Tra i punti all'ordine del giorno: L'autonomia nell'ambito del costituendo Comune di Porto Santa Venere.
La popolazione è invitata a partecipare

mercoledì 27 febbraio 2008

IL CONSIGLIO APPROVA!

Un altro importante tassello si è aggiunto a sostegno della proposta di legge regionale 260:
il consiglio della IV Circoscrizione approva all'unanimità tutti i punti all'ordine del giorno, tra i quali spicca lo storico SI all'autonomia comunale. E' stato un bel segnale l'applauso finale di tutti i consiglieri di circoscrizione, con il quale si è salutata l'importante decisione.
Al Consiglio erano inoltre presenti, prendendone ufficialmente atto, il Presidente del Consiglio Comunale di Vibo Valentia e l'Assessore al Decentramento.





















L'iter di questa delibera circoscrizionale lo seguiremo con molta attenzione: dalla data di pubblicazione all'Albo Comunale (la pubblicheremo anche noi!) fino al suo controesame da parte dell'Amministrazione comunale; ne conteremo simbolicamente i giorni, giusto per avere contezza dell'incredibile iter al quale è sottoposta ogni delibera circoscrizionale.
I presenti ci hanno dato conferma che sullo stesso argomento verrà convocato a breve il Consiglio della I Circoscrizione, vale a dire Longobardi - S.Pietro, il cui esito non potrà che confermare il percorso sin qui realizzato da tutti i cittadini della futura città di Porto Santa Venere.

lunedì 25 febbraio 2008

DOMANI RIUNIONE DEL CONSIGLIO IV CIRCOSCRIZIONE

E' d'obbligo informare che domani sera alle 17.30 il Consiglio della Quarta Circoscrizione si terrà presso l'Hotel Cala del Porto di Vibo Marina. Tra i punti in discussione all'Ordine del Giorno figura quello di adesione e sostegno alla proposta di legge per l'autonomia delle frazioni costiere di Vibo Valentia.
E' il caso di partecipare!

Città di Vibo Valentia
IV Circoscrizione Vibo Marina - Bivona - Porto Salvo
Ufficio di Presidenza tel. 0963 577271 fax 0963 577325
Prot. N. 7450
li 18 febbraio 2008

Sig. Consigliere

e, p.c. al Signor Sindaco
al Signor Assessore al Decentramento
al Signor Dirigente Decentramento
al Direttore Generale

Oggetto: Convocazione del Consiglio di Circoscrizione

A norma del vigente regolamento sul decentramento urbano, il Consiglio di Circoscrizione di Vibo Marina - Bivona - Porto Salvo, è convocato in prima convocazione, ed in pubblica seduta, nei locali della sala riunioni "Hotel Cala del Porto" sito alla via Roma di Vibo Marina per il giorno 26 febbraio 2008,( martedì) alle ore 17,30 per trattare il seguente ordine del giorno:
1) Presa atto sentenzaTAR Calabria n.53/08
2) Presa atto condizioni eleggibilità consigliere De Pietra Francesco
3) Proposta di diversa denominazione alla frazione di Vibo Marina
4) Pronunciamento del Consiglio sulla richiesta di autonomia della Circoscrizione "Vibo Marina-Bivona-Porto Salvo e Longobardi."

estratto da www.vibomarina.eu

sabato 23 febbraio 2008

"L’ANIMALIU D'U MARICEJIU"

L'avevamo promesso ed ora eccoci quì ad accontentare non solo gli amanti della poesia dialettale ma anche quelli, per lo più giornalisti, del moderno termine "marinate".
Come già detto "marinate" è il toponimo che sostituì quello del "maricello", termine che indicava un laghetto creatosi, dinanzi al Castello di Bivona con il progressivo arretramento della linea di costa ed il formarsi di una duna di sabbiosa.
Le prime iniziative di bonifica de Il Maricello si debbono a Gioacchino Murat, le ultime nei primi anni del '900: nacquero così le marinate.
In questo lasso di tempo il Maricello, o meglio 'U Maricejiu", fu fonte di ispirazione di quello che fu forse il più importante poeta dell'800 vibonese, Vincenzo Ammirà (1821-1890). Vi facciamo dono dei suoi versi, che hanno il merito di descrivere con ironia un "mondo costiero" a molti sconosciuto e la fama di luogo inospitale, tanto da animare l'esistenza di un mostro. Nell'immagine si vede chiaramente il sistema dunale che diede vita al Maricello, proprio sopra il nome di Porto Salvo.

Mammama, chi ribeju! Chi fracassu!
Cu’ di ccà grida, cui di ja schiamazza;
Votati duvi voi ca vidi chiassu
Gugghi la genti comu muschi ‘nchiazza;
Nu gridu paru, dàssami mu passu,
Nu ‘mbutta ‘mbutta, ‘mpatica, scavazza;
Cu’ si sgargia gridandu e cui trapila,
Cu’ voli pemmu ammazza cui mu ‘mpila.

Unu dicija chi fu, n’autru chì abbinni,
N’autru si menti li mani a li ganghi,
Ccà torci grossi, ja temperapinni
Hacci, runciagghia, faccettuni e vanghi;
A mari a mari, e nuju ccà si tinni,
Armamundi di runghi e di falanghi;
E chi vidisti sciabuli e pistuni
Cacciari quant’avi Muntalaguni.

Cu’ jìa di ccani, cui di ja tornava,
Cui pigghiava la via di la Marina,
Cui li zinnari a trippa si sciuppava,
Cui ciangendu dicia: Guarda arrujina!,
Cui la giberna avanti si votava,
Mu vidi si d’oggetti l’avia china,
E petri jettaluci e furminanti
Cu’ cercava ammucciuni e cui davanti.

‘Ntra chiju menzu, comu nu sturdutu,
Guardava lu terribili ribeju,
Com’aceju di l’acqua combattutu,
Criditimi c’ancora no mi reju;
Mi cridia ca di Turchi eranu venutu
A la Marina ‘ncuni caraveju;
E ad unu vecchiareju addimandai
La causa mu mi dici di lu guai.

Un’animaliu bruttu mi rispusi
‘nc’è di lu Mariceju ‘ntra li canni,
havi lu gargi russi ed arraggiusi,
cchiù di bonu verru havi li zanni;
li pedi finca a l’unghi havi pilusi,
havi la cuda longa setti canni,
havi la testa quantu nu ruvaci,
e l’occhi sbijicati di conaci.

N’autru vinni di costa e subbramisi:
Non è serpenti, no, esti acejazzu;
N’autru si vota e dici: nu ferisi
Vitti na cosa quantu nu palazzu,
Cu la testa auta e cu li corna tisi,
Ma corna mai veduti a mazzu a mazzu;
N’autru dici: Spaventu! È cuccutrigghiu;
N’autru vacca marina e n’autru nigghiu.

Poi cu na vuci assai piatusa e mesta,
Dissi lu vecchiu: Guarda, e mi mustrau,
Ogni angulu, ogni porta, ogni finistra,
Tuttu vi comu ciangi; mo mi restau
Mu viju a novantanni st’autra festa!
E, la testa vasciandu, sospirau;
E ‘nfatti ad ogni locu era lamentu
Comu a mari ‘ntempesta fa lu ventu.

Nuju cchiù cusi, nuju chiovu azzippa,
Mèrijanu majistra e lavandara,
Nuju a Bigona ‘nc’è chi chianta o scippa,
E’ la terra di li frutti a tri solara;
Crapi e pecuri s’inchinu la trippa,
Pecchi non vaci cchiù la cilonara;
E avanti ogni pagghjiaru, ogni caseja
Crisciu l’erba di ventu e l’ardicheja.

Non jiano li trabaculi a piscari,
Amureju e no rizza si vidia,
L’affritti sbenturati marinari
Eranu pizzicuni, arrassu sia!
Tremavanu di stari a menzu mari,
Tremavanu di jiri ‘ncumpagnia;
E l’animaliu ognunu jestimava
Pe la fami canina ch’assaggiava.

Cascettuni già jia pe lu pajisi
Cu la trumbetta, e allungu li campani
Dicianu, iati ja, Muntalonisi,
Jocati comu è solitu li mani,
Comu quandu a l’Abbati, chi ndi ‘mpisi
Quantu vozzi e vrusciau l’aggenti sani,
Facistivu mu piscia e pemmu roci
Prestu pe duvi vinni coci coci.

Cu poti filu filu pemmu cunta
Li cosi chi non sugnu registrati?
Di ccà, di jà, di ‘nzonduvè ndi spunta
Chi parinu diavuli arraggiati:
Ognunu esti nu crapiu chi junta
E dici a l’autri: Calati, Calati;
Cui sbafantija, cui ndi voli centu,
E a cui l’anchi ‘nci ‘ncrina lu spaventu.

Avanti avanti e propija a lu locu
Di l’Arangu chiamatu, ch’aspettava
Nc’era autr’aggenti, ma non era pocu,
Chi pregava, ciangia, chi jestimava:
Poi tutti si jungiru e parìa focu,
Chi jettanu calandu, a lava a lava,
E arrivaru a lu lagu a na volata
E jeu, gridandu, cu la mazza armata,

Jiani trovammu nu gran parapigghia
D’aggenti d’ogni cetu ed ogn’arrazza!

Cu voli mu scummenti, oh maravigghia!
Sulo chiju animaliu mu ammazza;
Cui cu lu chiaccu vivu mu lu pigghia,
Cui mu lu stendi mortu cu na mazza;
E gridavanu tutti comu cani,
Chi n’autru morzu venenu a li mani.

Ogni lanza stratantu no rejia
Portandu aggenti senza riposari,
E cui mezzi mu ‘mbarca non avia,
S’adattava a la megghiu a camminari;
Tuttu lu Pizzu ja si ricogghia,
Cu’ rina rina, e cui venia pe mari
Varchi ‘ntra l’undi, guzzareji ‘nterra,
Paria ‘nzumma Vigona ca fa guerra.

Quand’Unu, chi paria nu pampijuni,
Si misi pemmu parra di stu modu:
Chiuditi chissi vucchi di cistuni,
Attentu ognunu a mia mu staci e sodu,
Dassati fari a mia chi su mastruni,
Jeu vogghiu sta faccenda pemmu assodu.
Ccà ‘nu tò tò si ‘ntisi, poi quetaru
E ad iju tutti quanti si votaru.

Di ccà veniti vui cu li scupetti,
Vui cu li runchi a chija vanda jati,
Vui cu vanghi, cu sciabuli e faccetti
Attempu rina rina caminati;
Vui cu li cordi jati a setti a setti
E a li quattru puntuni vi posati,
Minati, ttà, sparati appena spunta,
E ligatilu forti nommu junta.

Stavanu tutti quanti cu li lanzi,
Cui volia pemmu ammazza e pemmu sgrupa,
Cui dicia vogghiu armari li vilanzi,
Cui, ‘nchi, cumpari, fazzu mu s’allupa;
Cui jeu minu allorbuni a scattapanzi,
Mi carricu e lu sbranu comu lupa.
Eccu si senti na gridata lesta
E! e! minati ca cacciau la testa.

Cui di ccà, cui di jà si libbarau,
Comu quandu si dici arrumbuluni;
Nudu nudu, cui tuttu si jettau,
Cui stezzi sulu ‘mpittula e cazuni;
Cui comu si trovava si minau,
Cu na cazetta misa e nu scarpuni
‘Ntra chiji harci currijandu a sguazzu
Ed acchiapparu la testa di lu… cazzu.

Vincenzo Ammirà
Poesie Dialettali
Edizioni G. Froggio, 15 febbraio 1929
Prem. Off. Tipografica G. Froggio, Vibo Valentia.

venerdì 22 febbraio 2008

L'AREA DISMESSA DELLA EX-GASLINI

L'accenno alla Cemensud ed al villaggio turistico dei giorni scorsi ci obbliga ad affrontare uno dei nodi più importanti dello sviluppo della città del mare, vale a dire l'utilizzo dell'area dismessa dello Stabilimento per la lavorazione dell’olio al solfuro di Gaslini.

Lo affronteremo, come è nostro solito, con carte e foto alla mano. L'area in questione (ex proprietà comunale) venne venduta alla Società Anonima Gaslini nel 1935, con Delibera Commissario Prefettizio n. 85, subordinandone però il relativo contratto “ipse facto e ipse iure risoluto”, alla destinazione industriale.
La fabbrica da il via alla produzione nel 1941 e fino alla sua dismissione, buona parte dell’area diviene deposito degli scarti di lavorazione della sansa, che oggi sono considerati rifiuti tossici per la presenza di composti chimici di sintesi (esano), dannosi all’ambiente e alla salute umana.
Sta di fatto che con il suo fallimento si avvia un contenzioso legale tra eredi che ancora oggi non consente di definire con chiarezza chi risulti il proprietario dell'area dismessa.
Riteniamo che con tutta probabilità, proprio in virtù dell'atto di vendita, il comune avrebbe potuto rivendicare qualche diritto, ma come ben sapete, siamo sempre a Vibo Valentia.

Improvvisamente, la scorsa estate, circola la notizia che l'area sia stata oggetto delle attenzione di imprenditori turistici spagnoli/irlandesi e si avvia una operazione di pulizia. Pulizia, non bonifica, perchè la terra tolta dal sito è depositata in un altro, accanto al torrente S. Anna.




Si parla di villaggio turistico con 200 posti letto... centro commerciale... Si vocifera e si dà per scontato che l'area sarà destinata a questo.


Badate, non si tratta di essere contro la scelta, ma al modo in cui essa si realizza, nel quale il pubblico non riesce a rivendicare, per la sua comunità, alcun servizio o vantaggio. E' così! Storicamente, nell'area costiera, ci si "sbraca" dinanzi all'investimento del privato!

Procedendo in tale maniera tra qualche mese ci ritroveremo senza aree in cui realizzare quei servizi che una città richiede. Procedendo così chiuderemo ogni prospettiva al waterfront portuale. Procedendo così perderemo le ricchezze che l'antica fabbrica custodiva.
Ci siete mai entrati dentro? Avete mai visto i suoi forni? La sua officina? Beh! Guardate queste foto. Qualche mese fa siamo stati "guidati" nella sua visita, dall'anziano custode. Per un attimo, dinanzi a quelli attrezzi abbandonati, abbiamo sentito nell'area il vociare degli operai.
Della GASLINI avevamo raccolto del materiale per descriverne la storia, valorizzarne il contenuto... ma qualcuno, sempre sulla nostra testa, ne ha già deciso il suo destino.
Vi doniamo perciò i documenti relativi all'acquisto dell'area, i progetti costruttivi... ormai utili solo una tesi di laurea!












mercoledì 20 febbraio 2008

IN POLVERE, OPERAI E CIMINIERE.

Le tre storiche ciminiere della Cemensud (ex Cementi Segni) in questi giorni verranno definitivamente abbattute, con una speciale gru che le demolirà dall'alto verso il basso.
Per prima si abbatteranno quelle in cementoarmato, infine quella più antica in mattoni cotti.
Non sappiamo cosa farà l'azienda delle nuove aree interne, certo ci aspettavamo che almeno una parte dell'edificio antico fosse utilizzato per raccontare la storia della cementeria e dei suoi tanti operai, che ebbe inizio nell'immediato dopoguerra, "musealizzato" con tanto di attrezzi, foto e trenino, ed aperto alla cittadinanza, ciminiera in mattoni compresa.

video

La storia della Cemensud è anche la storia della nostra città ed è un peccato veder prevalere azioni che non trasmettono alcun valore, ma anzi... li cancellano nella polvere, come quella finita nei polmoni di molti dei suoi operai.

martedì 19 febbraio 2008

IL PORTO LO ABBIAMO, MA SANTA VENERE CI MANCA!

Se ci pensiamo bene, nel nostro territorio ormai non vi è più alcuna traccia visibile del culto di Santa Venera. Il Porto c’è ancora, ma di Santa Venera sembra non ci sia più alcuna traccia.

Ma chi era Santa Venera?
Il culto è greco-cristiano, riferito a Santa Parasceve, la vergine santa e martire venerata, soprattutto nell’Italia Meridionale, con i nomi di S. Venera, Veneria o Veneranda.
Ebbe grande popolarità in epoca medievale e risulta oggetto di passiones ed Elogi.
Nata a Roma, o a Locri, all’epoca dell’imperatore Adriano, da ricchi genitori cristiani, che avevano ottenuto con le loro preghiere la sua nascita dopo 35 anni di matrimonio. Alla loro morte Venera vendette tutti i beni che aveva ereditati e distribuì il ricavato ai poveri; poi si ritirò in preghiera finchè non cominciò a predicare pubblicamente la dottrina cristiana. La predicazione della dottrina da parte di una donna, contraria a quanto impartito dalla religione ufficiale, provocò l’ira dei giudei che la denunciarono all’imperatore Antonino Pio.
Da questo momento iniziano le vicende miracolose che segnarono la breve vita della santa. Non vi racconto tutte le sue vicissitudini (che potrete leggere nel libro “Tra Mare e Terra” pubblicato nei primi post), perché le torture a cui fu sottoposta in nome della sua fede furono tante, nell’ultima delle quali muore decapitata.

E’ interessante notare come, proprio nell’odierna contrada Santa Venere, è stata rilevata la presenza di una villa romana datata proprio negli anni in cui è vissuta la santa martire, il II sec. d. C. La villa romana, segnalata sin dal 1860, verrà poi scavata in parte negli anni successivi, tra il 1928 ed il 1930, presso l’imbocco della galleria ferroviaria, anni in cui furono rimessi in luce ruderi di edifici romani di epoca imperiale e sepolcri di età ellenistico-romana. Fino a qualche tempo fa si era ritenuto che gli interventi edilizi realizzati nella zona, tra gli anni 60 e 70, avessero cancellato ogni traccia dell’edificio, nel 2000 però, a seguito di una nuova lottizzazione edilizia, è stata rinvenuta una necropoli romana, datata tra il II secolo a.C. ed il II secolo d.C.. Il numero di sepolture (circa 90) ed il loro povero corredo funerario, li documenta come sepolture di schiavi a servizio della villa. Quindi esisteva una villa schiavistica legata alla coltivazione ed alla pesca. Provate a leggere come ne scrivevano allora i ragazzi delle scuole medie.

La nostra statua di Santa Venera
Esite una statua, oggi nota come di Santa Venera, alla quale si è fatto erronaeamente risalire il toponimo (come abbiamo visto ben più antico della sua scoperta) dell’area.
La statua oggi è posta in una piccola area verde del corso principale, eppure pochi sanno che è una statua d'epoca romana.
L’anno del suo rinvenimento è avvolto ancora nel mistero.
Seppur “Una vaschetta con una statuetta da cui linfe zampillano”, viene segnalata nella relazione del 1834 per la costruzione del porto di S. Venere, la ritroviamo però elencata tra i rinvenimenti effettuati durante i primi lavori del tronco delle Ferrovie Calabro-Lucane, Porto S. Venere-Pizzo, iniziati nel 1870.
Questo punto si chiama porto di S. Venere per una antica statua in marmo assai mutilata, che è lì da tempo immemorabile, e che fu posta al disopra di una piccola fontana. I contadini le rendono un culto sotto il nome di Santa Venere”, con queste parole viene descritta dall’archeologo francese Lenormant nel 1860.
Difatti la statua è d'epoca romana e rappresenta “Arianna addormentata nell’isola di Nasso”. E' la famosa Arianna del "filo" che consentì a Teseo di uscire dal labirinto, dopo l'uccisione del Minotauro. Teseo le promise di sposarla, ma seppur la portò con se via da Creta, l'abbandonò di notte sull'isola di Nasso... mentre Arianna dormiva, ovviamente. Il modo di dire "piantato in asso" nasce proprio da questa mitica storia... dall'Arianna "piantata in Nasso".
Ma ritorniamo alla statua. Databile tra la seconda metà del II ed il III secolo d.C. raffigura Arianna addormentata su un rilievo roccioso, coperto dal suo manto.
A pensarci bene la statua, che si presenta mutila, priva di testa e molto consunta, richiama alla mente gli esiti di un supplizio di martire, e rende comprensibili le ragioni percui, nell’immaginario popolare, questa figura di donna, distesa inerme sulla roccia, con i fianchi e le gambe avvolte in un manto quasi a coprirne le ferite, riassume emblematicamente tutti i supplizi patiti dalla giovane Santa Venera, compresa l’estrema decapitazione.

C’è mai stata una chiesa dedicata a Santa Venera con il nostro territorio?
La risposta è si. La presenza del suo culto la ritroviamo in un documento proveniente dall’Archivio Collegiale Greco di Roma, riguardante una visita pastorale al casale di Longobardi e S. Pietro effettuata all’inizio del 1600.

Nel descrivere le chiese presenti lungo la costa, apprendiamo che “... Nell’istessa Parrocchia vi sono due Cappelle, una nel Palazzo Ducale alla Marina dedicata a S. Venera. Per l’assenza delli Sig(no)ri Duchi in essa non si trova alcuna suppellettile sacra.”
Ma dov’era la chiesa dedicata a S. Venera?
Determinante in tal senso si rivela la relazione, del 1834, per la costruzione del porto. In essa compare una diruta “casina”, nominata appunto di Santa Venere (ben distinta dall’omonima torre) posta vicino ad una fontana: “alla dritta della chiesetta di S. Venere per chi da terra si rivolga la mare, osservasi una scaturigine d’acqua, ed un’altra più copiosa inoltrandosi un poco verso l’interno nell’istessa direzione, ed è da notarvi una vaschetta con una statuetta da cui linfe zampillano.
La chiesa era quindi collocata a poca distanza dalla fontana descritta dal Lenormant, la stessa fontana ripresa in una foto dei primi anni del ‘900.

Posto che la fontana si trovava all’altezza dell’attuale bivio per Vibo e Pizzo, poco distante dal distributore ESSO… la chiesa era quella costruita dove oggi è collocata un l’edicola, distrutta negli anni ‘70! Io stesso me la ricordo.

Ma quanto è antico il toponimo di Santa Venere?
Seppure molti di noi questo nome lo legano alla costruzione del porto, le sue attestazioni sono ben più antiche.
Notizie precise le rintracciamo a partire dal 1507 anno in cui il Feudo di S. Venera, che risulta appartenente al Principe di Bisignano venne preso in possesso dal Duca di Monteleone. Nel 1547, Santa Vennera si rivela come un’area molto produttiva, con diversificate attività economiche che spaziavano dalla pesca del tonno alla coltivazione di terre di olivi, trappeto, Molino, Giardino di Agrume, fronda nera, Pergoli ed Arbusti frutti.
E’ nel 1564 del resto che viene costruita la “torre di S. Vennera”, assieme alla gemella di S. Pietro di Bivona, dal mastro monteleonese Giacomo Pitoya. Queste torri dovevano essere costruite “in loco detto La Cala di le Sciabiche et un’altra in loco detto S.ta Vennera...”.

Cosa ci rimane di Santa Venere?
Cosa ci rimane di Santa Venere, oltre il toponimo di una contrada, la statua posta romana sul corso, o del nome dato all’edificio delle suore?



In effetti non è una bella scoperta constatare come sia nella chiesa vecchia che in quella nuova nulla evidenzia immediatamente questo culto: non vi è una statua, un quadro o un'immaginetta... ma non ci siamo fermati all'evidenza! Così abbiamo scoperto che un oggetto in bronzo, neanche tanto piccolo visto il suo peso, legato al culto di Santa Venera è ancora oggi esistente, e lo dobbiamo alla lungimiranza del primo parroco di Porto Santa Venere, don Domenico Costa:
grazie ai documenti abbiamo "riscoperto" che il 31 agosto del 1934, vengono benedette e suonano per la prima volta le due campane della nuova chiesetta di Vibo Marina (quella che per noi oggi è la chiesa vecchia); delle due campane, la più grande porta l’effige di Maria S.S. del Rosario e la più piccola… porta proprio l’effige di Santa Venera!
Fantastico! E come se ci avesse lasciato un’eredità da cogliere… per il riscatto della sua comunità.
Credo che non esista comunità che abbia mai perso un culto cristiano; sarebbe grave se noi ne fossimo i primi!
Perché non ci inventiamo qualche cosa per riprendere un culto così antico?

Un luogo dove Santa Venera è oggi venerata?
Il comune è quello di Acireale (CT), comune in cui la santa è patrona. Si festeggia il 14 Novembre, con la festa della Memoria della traslazione delle reliquie.
Per saperne di più, nonchè vederne la statua che la raffigura: http://www.festetnee.it/novembre2007/SANTA%20VENERA.htm

lunedì 18 febbraio 2008

IL PORTO VIRTUOSO IGNORATO DALLA POLITICA



E' molto interessante il bilancio espresso dal Comandante della Capitaneria di Porto sull'attività portuale. Nonostante il nostro sia tra i porti più trascurati (come manutenzione della struttura e marketing territoriale) d'Italia, i dati dei suoi movimenti commerciali e passeggeri dimostrano in pieno il suo valore strategico ed il valore delle aziende locali che, grazie al suo utilizzo, s'impongono nel mercato nazionale ed estero. Il movimento merci oggi si attesta a 1.600.000 t0nnellate (+400.000 tonn. rispetto l'anno scorso).

Qualche mese fa, assieme alla Consulta Portuale Santa Venere ed alla Pro Loco, si è dato il via ad una serie di studi, di proposte ed incontri, tutti tesi a far riemergere il nostro porto dal limbo dell'ignavia politica vibonese.
Il risultato è stato ottimo: si è riusciti in qualche modo a sbloccare tutta una serie di finanziamenti - fermi da diversi anni (per un importo pari a 20 milioni di euro) - utili a metterlo in sicurezza; si è strappato l'impegno a ricollegare il porto nel sistema dei trasporti stradali e marittimi nazionali; si è in qualche modo rimesso in discussione il suo destino (che sembra pronto per essere ingoiato dall'Autorità Portuale di Gioia Tauro).

Il nodo ovviamente è uno solo, come per la nostra città: è un porto privo di un organismo amministrativo, pensante ed operativo.

Questa volta "testa pensante" si sono dimostrate le associazioni di Porto Santa Venere, che si sono unite nel sostenere le ragioni del porto dinanzi alle istituzioni, anche sostituendosi agli enti locali, con competenza e strategia.

Ora si tratta di verificare le proposte avanzate, e pretendere di farle integrare con i nostri suggerimenti: siamo noi che viviamo nella città portuale.

Come sintesi delle nostre ragioni vi presentiamo alcune slides sul porto, utilizzate per rivendicarne l'importanza, ed in cui rivelavamo ai politici disattenti come il porto rischiasse di perdersi per sempre. Se il porto rivivrà... rivivrà anche la nostra comunità. Se la nostra comunità rivivrà... rivivrà anche il porto.
Lo slogan della presentazione riprendeva quello del Ministero dei Trasporti per la promozione delle Autostrade del Mare, "Lasciati alle spalle le solite strade!", mentre a noi, constatavamo con amarezza, toccava come sempre... essere "per le solite strade lasciati alle spalle!"

domenica 17 febbraio 2008

PRIMO INCONTRO DEL CONSIGLIO

Si è svolto ieri sera il primo incontro del Consiglio di Rappresentanza.
Per meglio perseguire gli obiettivi che ci si è posti a sostegno della proposta di legge sull'autonomia comunale, si sono formati due Gruppi di Lavoro, uno organizzativo di iniziative l'altro prettamente tecnico, con il compito di arricchire ulteriormente di dati economici e statistici, nonchè giuridici, il patrimonio comune delle ragioni del si all'autonomia. In tempi brevi, acquisiti dati entro una decina di giorni, si appresteranno tutte le iniziative utili al confronto con i politici vibonesi ed alla sensibilizzazione dei nostri concittadini.
Nel frattempo siamo alla ricerca di una sede visibile e centrale, possibilmente in ogni frazione, dove avviare momenti di continui incontro, informazione e sensibilizzazione sulle ragioni del si. Ogni aiuto in tal senso è ben accetto!

sabato 16 febbraio 2008

STORIE DA NULLA.


Diventa ogni giorno più inutile colloquiare con gli amministratori vibonesi. Gli parli, ti aspetti risposte lungimiranti, infine quando parlano ti accorgi che non è valso a nulla. Ascoltano se stessi e ti propongono le loro soluzioni.


E' confermata l'ipotesi della fine delle circoscrizioni. Questo aspetto dell'assetto amministrativo comunale verrà definitivamente messo in soffitta alla fine di questa amministrazione. Proposte alternative? Il nulla. Sembrerebbe un piano strategico: lasciateci prima costruire qualche villetta e qualche parcheggio per barche nel porto, poi...
Quasi quasi è una fortuna che ci sia l'erosione costiera, che il mare abbia smesso di donare spiagge edificabili... che abbia sotterrato buona parte della nostra storia.
Ci pensate mai che, intorno al 1500, tutto il fazzoletto di terra su oggi cui sorge Porto Santa Venere non esisteva? Ci pensate che ancora oggi c'è chi crede che la nostra comunità non esiste?










venerdì 15 febbraio 2008

LA CASA DEL SOLE NELLA CITTA' DEL MARE.


Non so cosa pensano tutti quei cittadini della città capoluogo che hanno investito i loro averi nelle seconde case o villette di Bivona. Conosco molte persone che hanno speso tutto in quella zona. Alcuni chiudono la casa a fine agosto e la riaprono a luglio: chissà cosa penseranno quest'anno avvicinandosi alle loro case? E' sorprendente vedere un'area così estesa sottratta agli sguardi dei curiosi. Pare vi costruiranno un mega villaggio turistico o un complesso residenziale di minivillette... non è dato sapere altro con più precisione. Anche quì ci saranno gli spagnoli? Gli irlandesi? o solo calabresi?

Ultimamente questo mix imprenditorial-geografico per la costruzione di villaggi turistici è stato attenzionato in più indagini delle DDA calabresi, rivelando la forte compartecipazione della mala&ndrina in tali strutture, sia nella gestione degli startup che nelle forniture dirette o indirette a villaggio aperto.
E' quasi come se nelle aree costiere si siano clonati interi paesi per 5 o 6 mesi l'anno, con un sistema di governance amministrativo che spesso, per la complessità delle cifre, supera di molto il bilancio di una amministrazione locale, col vantaggio di gestire le forniture ovviamente a "trattativa privata"; per l'ordine poi, o la guardiania, non si usa solitamente le guardie municipali.

Perchè passare le vacanze in un villaggio? Perchè lì dentro c'è tutto e funziona tutto!
Fuori invece vivono di stenti e disservizi gli indigeni: esserne il proprietario è come essere il sindaco di un paradiso d'efficienza, in cui anche il consenso elettorale raddoppia il suo peso nel territorio ospitante. Già... dei nuovi sindaci, così come nuovi consiglieri: non vorremmo sbagliare ma, in questo villaggio apprendiamo di un progettista, direttore dei lavori e calcolatore struttura CA, che potrebbe, per omonimia, anche essere un consigliere comunale.

Sembrerebbe che a questo investimento gli irlandesi/spagnoli siano pronti a farne seguire altri (area ex-Gaslini; Pizzo, Tropea, etc.).
Viva il lavoro e benvengano nuovi sindaci e consiglieri. Il turismo è il futuro della nostra regione e la regione è cosa, anzi casanostra. E' la logica economica che lo pretende, così come lo pretende il consenso che se ne ricava.

Certo, la futura densità abitativa potrebbe mettere a dura prova il già precario equilibrio fognario della nostra costa... che importa! Certo, far tutto ciò prima che l'area sia stata messa in sicurezza... a chi interessa! Certo far tutto ciò mentre si discute di piani strutturali e strategici... e chi controlla! Di certo vi è solo il silenzio. Abbiamo chiesto informazioni a qualche amministratore locale e la scena è sempre quella: muta, ora mi informo... e vi farò sapere. Eppure ci sono le concessioni edilizie di rito.

Proviamo a far parlare le foto. Solo quelle. E la tanto sbandierata partecipazione usatela per chiederne di più ai nostri amministratori! Magari... chiediamo in cambio almeno un locale per le assemblee cittadine o per un centro di aggregazione anziani o, male che vada, per una biblioteca.


video

LE SLIDE DI "VIBOFUTURA 2015"

Con non poche difficoltà siamo riusciti ad estrapolare dal sito istituzionale, da stamani attivo, del Piano Strategico le slides relative alla presentazione di ieri. Abbiamo scoperto assessori davvero entusiati d'aver imparato il senso del termine inglese waterfront.
Mentre sui quotidiani monta la polemica sul marmo bucato (tanti bei buconi da fisher dopo un restauro durato un anno!) del Palazzo Municipale, necessari per fissare i 6 lunghi stendardi verticali rossi dedicati all'iniziativa (da noi invece ne è stato appeso uno orizzontale lungo la recinzione del casello circoscrizionale) sul nostro blog vi evitiamo il tortuoso percorso online, nonchè la visione delle nostre fotocopie, donandovi le slides di presentazione in pdf.
L'informazione prima di tutto.

giovedì 14 febbraio 2008

ANCORA PIANO STRUTTURALE

Stasera ci siamo recati alla presentazione del Piano Strategico Strutturale.

Sembrerebbe, da quanto enunciato, che i contenuti del Piano verranno desunti da interviste, schede e coinvolgimento in forum tematici. Tutto da fare insieme quindi!

Avendo però dato un'occhiata sommaria alla bozza di Piano Strutturale, e confrontatala con le fotocopie di un PowerPoint (controsenso: sembrerebbe si sia speso più in grandi striscioni che in strumenti informativi utili alla partecipazione!) fatte circolare, previa rigorosa registrazione, sembra che anche le sue linee guida siano state pari pari "fotocopiate" dal Piano Strutturale.

Comprendo che in tal modo si risparmi tempo e denaro, ma ripetiamo, pagare due volte la stessa cosa sarebbe quanto meno imprudente.
La sensazione avuta dalle poche informazioni precepite è che si tenti, con questo strumento, di finanziare con fondi pubblici l'ente (e sin qui nulla di male) ed i privati (??) per gli interventi e le lottizzazioni previste nel Piano Strutturale.

Ripetiamo è solo una prima impressione, e saremmo i primi ad esserne contenti da una immediata smentita.

video

Della bozza del PIANO STRUTTURALE è questo punto opportuno pubblicare subito sul nostro blog il QUADRO CONOSCITIVO , nonchè il resoconto delle ATTIVITA' DI PARTECIPAZIONE realizzate in questi due anni (anche queste sembrano fotocopie dei forum che s'intendono avviare) , per poi riscontrarne tutti insieme le concordanze e discordanze.
Avviso che il file del Quadro Conoscitivo del PIANO STRUTTURARE (ex-PRG, da non confondere con il Piano Strategico appena presentato) è di circa 65mb, sempre in Pdf; vale il consiglio di non aprirlo online ma di salvarlo come oggetto sul proprio pc.

PIANO TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2008-2010

Vibo, la città "policentrica", recita testualmente la relazione allegata alla bozza di Piano Strutturale.
Orbene, al di là dei facili slogan, vediamo con quale tipo di investimenti strutturali, da qui al 2010, la città riorganizza il suo storico "monocentrismo".
Come ci si aspettava mancano interventi strutturali che lascino intravvedere il benchè minimo decentramento di servizi (municipali, sanitari, formativi, etc.).
In compenso si realizzerà una strada più corta di qualche kilometro per raggiungere Vibo. Speriamo che con le prossime Convenzioni con le Ferrovie Calabro Lucane qualche illuminato consigli di trasformare da extraurbano ad urbano il costo delle corse degli autobus, questi si, "policentrici".
Il segnale è esplicito: non ci resta che attendere sfiduciati il 2011.

mercoledì 13 febbraio 2008

PIANO STRUTTURALE: METTIAMO IL NASO SUI NUMERI.

Ce lo eravamo ripromessi, ed oggi possiamo dare il via alle inedite informazioni sul nuovo Piano Strutturale Comunale e le sue linee guida.

L'intera bozza è ovviamente composta da files "molto pesanti", il cui inserimento online richiede del tempo; ma chi ha tempo non aspetti tempo, percui oggi diamo ufficialmente il via ad una serie di post sul tema.
Cominciamo con il pubblicare il DOCUMENTO PRELIMINARE AL P.S.C. (modificato con Delib. G. M. n. 217 del 17/07/2007) per una serie di ragioni, la più importante della quale è quella relativa al "vibofeudalismo", vale a dire a quell'atteggiamento culturale autoreferente che rende la citta del monte "vibocentrica", fagocitatrice di risorse e di servizi a tutto svantaggio, oltre che delle frazioni, anche di se stessa.
Il documento in se rende in pratica visibile quella che noi definiamo la città con "identità plurale", ma ovviamente poi ne trascura, quando non dimentica, il valore, ipotizzando soluzioni "singolari" (diamogli pure il doppio senso). In nostro nuovo comune farà dell'informazione il suo punto di forza, grazie al quale coniugare partecipazione, democrazia ed eticità! Percui, mentre i nostri attuali consiglieri comunali se lo studiano prima di votarlo in Consiglio, perchè non farlo studiare meglio anche ai cittadini? Ve lo lasciamo scoprire... senza tentare minimamente di influenzare il vostro giudizio, pronti ad avviarne su un dibattito.
Un'altra ragione che spinge alla pubblicazione del documento è quella della valenza dei numeri.


Se le parole sono pietre, i numeri sono macigni: e se grazie a questo capolavoro di analisi scoprissimo di essere più abitanti di quanto il "vibofeudalismo" vuol farci credere?
Provate a dare una lettura alla pagina 93 e forniteci l'interpretazione autentica dei numeri relativi al "Caso Pennello".

In attesa, nel prossimo post dedicato al PSC vi forniremo il file del suo famoso QUADRO CONOSCITIVO... in cui la storia, quella con la ESSE maiuscola è solo, come insegna il Duca Pignatelli, sul colle.
(NB: Visto che il file pdf è di circa 26mb, si consiglia di salvarlo come oggetto ed consultarlo offline)

IL PROSSIMO PASSO? LE DELIBERE CIRCOSCRIZIONALI!

Il percorso a sostegno della proposta di legge regionale per il nuovo comune di Porto Santa Venere si arricchisce di importanti impegni.
Sollecitato dai presenti all'assemblea di costituzione del Consiglio di Rappresentanza, il presidente della IV Circoscrizione ha confermato l'intenzione di indire a breve un Consiglio nel quale deliberare l'adesione ed il sostegno alla proposta. Stesso invito è stato avanzato ai membri della I Circoscrizione. Una entusiasmante proposta è stata avanzata dall'assemblea: al fine di giungere ad una delibera con un forte valore simbolico, perchè non indire una riunione congiunta delle due circoscrizioni? Magari anche in Assemblea Popolare, così come previsto dal Regolamento Circoscrizionale?
L'idea è stata lanciata ed aspettiamo che chi ha a cuore le sorti del nostro territorio si adoperi per realizzarla, anche con il sostegno convinto ed operativo del Comitato "Verso l'Autonomia di Porto Santa Venere".

lunedì 11 febbraio 2008

NASCE IL COMITATO DEL 2008!


Si è costituito ufficialmente il Consiglio di Rappresentanza del Comitato “Verso l’autonomia di Porto Santa Venere”!

All’incontro hanno partecipato con diritto di voto tutti coloro i quali hanno sottoscritto l’adesione al Comitato durante la campagna di raccolta firme che si è protratta fino alla suddetta data. L’enorme numero di adesioni raccolte ha fatto si che il consiglio di rappresentanza venisse eletto per acclamazione.


Tutte le organizzazioni, partiti, enti, associazioni, sono all’interno del comitato equamente rappresentati.


Il Consiglio di Rappresentanza ha il compito di organo direttivo destinato a svolgere tutte le attività statutarie per il perseguimento dell’autonomia amministrativa.


I componenti del Consiglio di Rappresentanza hanno aderito ai principi ispiratori dell’iniziativa e manifestato la volontà di partecipare attivamente alle attività del comitato.

sabato 9 febbraio 2008

PIANO STRATEGICO: SI PARTE...CIPA!

Mentre ci prepariamo per l'Assemblea di oggi pomeriggio, estraiamo dai quotidiani di oggi la notizia che martedì prossimo, 12 febbraio alle ore 11,45 presso la sala consiliare del comune, si terrà la conferenza stampa di presentazione delle linee guida del Piano Strategico Comunale.


La conferenza preannuncerà i due giorni di presentazione e dibattiti previsti per il 13 e 14 febbraio.
Visto che sarà presentata in tali date l'intera operazione (che prevede tra l'altro il lancio ufficiale del marchio "Vibofutura 2015") e la partecipazione risulterà determinante per comprendere, proporre o contropoporre, anche alla luce delle conseguenze sulla "FuturaSantaVenere 2008", richiamiamo ognuno dei nostri sostenitori alla presenza operativa.

giovedì 7 febbraio 2008

STATISTICHE WEB PRIMO MESE

E' trascorso un mese dal primo post!
Giusto per cimentarci in un piccolo bilancio utile a comprendere la portata della nostra iniziativa, possiamo dire che in 30 giorni il numero di 3100 visitatori univoci (ognuno contraddistinto da un suo cookie) rappresenta un ottimo risultato.

Il dato in se è ancora più lusinghiero se lo si confronta con la variegata provenienza: quel 90% di favorevoli alla costituzione del nuovo comune espresso nella nostra rilevazione statistica rende quella percentuale ancora più importante e significativa. In pratica non siamo solo quelli di Porto Santa Venere a crederci. MEDITATE GENTE, MEDITATE!

mercoledì 6 febbraio 2008

PORTO SANTA VENERE + ELOGIO DELLA LOTTIZZAZIONE = ?


Pubblichiamo sul post l'articolo sul quotidiano di stamani in cui si da risalto alla prossima assemblea di Sabato 9 Febbraio.
Mentre sottolineamo senza tregua il termine "marinate", riportiamo, come pura testimonianza storica, anche la pagina quotidiana in cui l'accorto assessore all'urbanisica, dopo aver declamato il suo impegno per il Piano Strutturale Comunale, si lancia in un inedito ELOGIO DELLE LOTTIZZAZIONI (ben 7!) che farà approvare dal Consiglio Comunale, ovviamente prima che questo sancisca le regole definitive previste nel Piano Strutturale, e per il quale si sta tanto impegnando.
Beh! A ben pensare la cosa suona strana. Se non fossimo a Vibo ci sarebbe da dubitare della coerenza di tanto impegno, ma tant'è... basta che ci creda qualcuno a destra e a manca! E' da leggere, forse più dell'articolo che ci riguarda.

martedì 5 febbraio 2008

COMUNICATO STAMPA E AVVISO

Il Comitato provvisorio “Verso l’autonomia di Porto Santa Venere” rende noto, che la costituzione ufficiale del Comitato e del suo Consiglio di Rappresentanza avverranno il 9 febbraio alle ore 17.00 presso l’auditorium della Chiesa “Madre SS del Rosario di Pompei” di Vibo Marina.
All’incontro potranno partecipare con diritto di voto tutti coloro i quali hanno sottoscritto l’adesione al Comitato durante la campagna di raccolta firme che si protrarrà fino alla suddetta data. L’enorme numero delle adesioni raccolte ha suggerito la scelta strategica di individuare un organo direttivo ampio per la cui composizione si è perseguito il criterio della rappresentatività istituzionale, della provenienza geografica e del merito in relazione all’impegno profuso e alle capacità emerse nella attuazione del percorso e delle iniziative fin qui realizzati.
Il Comitato sarà, perciò, rappresentato da un Consiglio di Rappresentanza con il ruolo di organo direttivo destinato a svolgere tutte le attività statutarie per il perseguimento dell’autonomia amministrativa enfatizzando e valorizzando il percorso unitario sin qui intrapreso.
I componenti del Consiglio di Rappresentanza dovranno aderire ai principi ispiratori dell’iniziativa e manifestare la volontà di partecipare attivamente alle attività del comitato. Anche in quella data sarà possibile sottoporre all’Assemblea la propria disponibilità a far parte del Consiglio di Rappresentanza.
Durante l’incontro sarà illustrato il percorso sin qui compiuto e le prospettive che derivano dall’iter amministrativo legato alla presentazione del progetto di legge n. 260/2007. Al contempo si valuteranno le ulteriori iniziative utili a far conoscere il progetto di legge all’intera comunità vibonese ed i vantaggi che ne potranno derivare.
La cittadinanza è invitata a partecipare.


AVVISO

Cari Concittadini del comitato provvisorio,
in vista dell'imminente insediamento del comitato "Verso l'autonomia di Porto Santa Venere" è opportuno incontrarsi presso centro anziani Asilo S.Venera, mercoledi 6 febbraio 2008, alle 18.30, per organizzare l'incontro del 9 c.m..
Con l'occasione preghiamo tutti coloro i quali sono in possesso di schede per la raccolta firme di portarle con se, allo scopo di verificare il numero di firme raggiunto.

Cordiali saluti
Segreteria del Comitato Provvisorio.

PIANO STRATEGICO COMUNALE

E' "inamissibile" la proposta di dare un nuovo un nuovo assetto amministrativo all'area costiera? Dal punto di vista legislativo, amministrativo, democratico e di partecipazione attiva è "inammissibile" affermarlo. Sarebbe come ritenere inammissibile l'esistenza amministrativa del 99% dei comuni della nostra provincia!
Da oggi inoltre qualcuno invoca la fine di questa revancista rivendicazione, pena un possibile ridimensionamento del ruolo delle marine nel futuro Piano Strategico Comunale, a tutto vantaggio dei comuni di S. Gregorio e Ionadi. Come se non sapessimo che questa strada è stata già intrapresa da un pezzo! Se almeno ci spiegassero meglio cos'è il PSC: farlo porterebbe a svelare quanto questo possa essere un'importante occasione per immaginare il futuro del nuovo comune nel prossimo cinquantennio.
Ma cos'è il PSC? Per saperlo riportiamo le spiegazioni stampate nella brochure del PSC di Catanzaro:
"Il Piano Strategico è stato individuato, a livello europeo, come sostegno all’azione delle città per la costruzione di quel ruolo fondamentale nella competitività e nella valorizzazione delle esternalità generate dai Corridoi Transeuropei. Il piano strategico non è un piano urbanistico, non ha natura ordinativa nè prescrittiva; esso è sicuramente utile per sperimentare pratiche innovative di governo metropolitano e, nello stesso tempo, è un processo di elaborazione programmatica concertata orientato a generare quelle decisioni e quelle azioni che si considerano fondamentali per realizzare la visione del futuro desiderato dai principali agenti sociali ed economici della città. Pertanto il Piano Strategico non è solo, come dice il nome stesso, un "piano di strategie" per lo sviluppo della città, ma è anche, e soprattutto, un processo condiviso e partecipato il cui fine è quello di provare ad ipotizzare, attraverso un "accordo" fra attori pubblici e attori privati, progetti e scelte future condivise. Il piano strategico può quindi essere definito anche come un "metodo" per l’individuazione di decisioni collettive: la costruzione di un sistema partecipato di città che, partendo da una preliminare analisi critica delle caratteristiche e potenzialità economiche, ambientali e sociali, possa fissare obiettivi e azioni di medio-lungo periodo per lo sviluppo del contesto urbano...".
Beh! Compreso ciò, allora è bene che si tenga conto delle risorse umane, culturali, storiche ed economiche presenti al di sotto dell'Hotel 501!


Mentre prendiamo atto che l'amministrazione comunale non è dotata di uomini (dirigenti o politici) e mezzi (tecnici e professionisti) utili ad avviare "pratiche innovative di governo metropolitano e, nello stesso tempo, capaci di realizzare la visione del futuro desiderato dai principali agenti sociali ed economici della città" (altrimenti perchè affidarlo ad altri?), chi volesse informazioni sulla i.Next - l'Associazione Temporanea di Professionisti alla quale quelli che noi abbiamo delegato al governo del territorio, hanno a loro volta delegato l'elaborazione del metodo programmatico - le può ricavare dal loro sito istituzionale http://www.inext.it/.

Immaginiamo siano già al lavoro e ci auguriamo che nessuno dimentichi che nell'area costiera vivono più di 10.000 cittadini che godono di diritti al pari degli altri 20.000.
Sarebbe "carino" che prima che la progettazione sia "chiusa" qualcuno consultasse i pareri e le proposte di quei 10 gatti marini, visto il discreto costo affrontato dalla comunità intera per realizzare l'innovativo "metodo partecipato" anche nel nostro territorio.
Pare che all'iNext spetterà anche il compito di sentire i cittadini, le associazioni, indire incontri: insomma, tutto quello che avrebbe dovuto fare un'amministrazione attiva. Sembra quasi di pagare due volte per la stessa cosa! Ma non è così certamente, basta vedere come si è organizzata l'amministrazione comunale di Cagliari per il suo PSC, per esaltare la nostra vibonesità. Speriamo non ricorrano ad un callcenter per conoscere le idee dei cittadini, anche solo per eguagliare il successo dimostrato con Agenda21 - VI.VA.GI.MA. (Vibo Valentia Giardino sul Mare). Ovviamente la nostra città ancora non fa parte della Rete Tematica dedicata alle città che elaborano un Piano Strategico perchè il piano ancora non è pronto, del tempo occorrerà, anche perchè il metodo di lavoro sarà molto partecipato, perchè si sa, è l'informazione e la partecipazione che distingue un comune vecchio da quello nuovo.

lunedì 4 febbraio 2008

UN PENSIERO PER MONTELEONE.

Ad un anno dalla tragica scomparsa di Federica penso sia giusto dedicarle un pensiero. Lo farò senza entrare nel merito della vicenda giudiziaria, né in quella sanitaria; di ciò si è scritto e ancora si scriverà per molto tempo.
C’è però un aspetto che è stato trascurato dai più e sul quale mi preme soffermarmi un attimo: quello sociale. E' un aspetto che riguarda ancora molti di noi, oltre che i suoi coetanei marini di ogni epoca.
E’ solo grazie al libro ed al sito web a lei dedicato (http://www.federicamonteleone.it/) che ho scoperto una ragazza che coltivava belle passioni, grandi obiettivi: amava scrivere e danzare.
Così come non conoscevo molti dei ragazzi che sto imparando ad apprezzare in questi giorni, non conoscevo neanche lei.
Le sue qualità, voglio dire, non mi è stato dato modo di conoscerle! A me, come credo a molti altri di noi. Ancora oggi, terminate le medie, i nostri ragazzi partono su qualche sgangerato autobus per Vibo e scompaiono nelle nebbie delle aule superiori per mezza giornata; quelli che hanno qualche passione in più (studiare, danzare, nuotare, suonare, ecc.) ripartono addirittura, dopo aver fatto un pranzo frettoloso, nuovamente verso la città della terra. Nella città capoluogo c’è il cine, palestre, biblioteche, piscine, sale per incontri o convegni, accademie e club vari o boyscout: c’è quella che da giovani chiamavamo “vita”: alcuni li vedi rientrare la sera facendo autostop, altri nelle macchine affaticate dei loro genitori.
Rientrano col buio: e le nostre case li riaccolgono, senza lasciarcene vedere traccia in paese.
Nella città del mare, se siamo fortunati, li incontreremo pure il sabato sera o la domenica sul corso portuale, ma le loro qualità, il loro saper fare… non lo percepiamo. Poi un giorno, all'improvviso, ti sorprendi, incontrandoli già laureati o già sposati e lì... senti per intero tutto il peso del tempo passato inutilmente nella tua città.




Io non conoscevo le qualità di Federica. E voi? Io conosco le qualità di qualche giovane delle frazioni marine per puro caso o perchè ne conosco i genitori. E voi? Mi fa rabbia che non esista ancora oggi alcun altro modo di conoscerle: non abbiamo uno straccio di luogo pubblico in cui condividere, coltivare, o solamente mostrare, le qualità dei nostri figli! Quanto avevamo nel 1948 è pari a quanto abbiamo nel 2008.
E’ da tempo che chiedo ai tanti Sindaci ed Assessori una sala, una biblioteca, un luogo d’incontro… magari anche una scuola superiore. Un luogo in cui condividere passioni, saperi… un luogo in cui trasmettere e contaminare qualità!
Nulla da fare. A loro sembra una pretesa inspiegabile: "C’è già..." dicono, "è a Vibo!"
Non capiscono o nella migliore delle ipotesi è una pretesa "rinviabile".
Intanto Loro si susseguono, passano… ed anche i nostri ragazzi continuano a non restare.
E’ passato un anno dalla morte di Federica.
Mentre leggo di litigi tra il secondo centro anziani e l’unica scuola, o di ragazzini costretti ad occupare la sala del consiglio comunale per una sola corsa d’autobus, penso che mi sarebbe piaciuto sentire il parere di Federica, su questo come sui tanti vuoti sociali delle nostre frazioni. Se penso al suo piacere di scrivere immagino che forse ne avrebbe scritto un "pezzo" per il giornalino di scuola. Forse ne avrebbe scritto per lei e... per noi.

Leggo che altrove, nel comune di San Marco Argentano, le hanno intitolato una Borsa di Studio. Già, altrove: i nostri ragazzi continuano ad essere apprezzati altrove da qua.
Altrove osano ed usano ancora crescere i propri ragazzi, additandoli ad esempio.
Altrove. Mentre noi continuiamo a fare a meno delle loro qualità, tanto da scoprirci costretti a pensare di non averne!
Nessuna e Nessuno!
Mi capita spesso sentire qualche politico dire: “A’ ‘u portu? No n’c’è nujiu chi ‘bbali!” (“A Vibo Marina? Non vale nessuno!” ndr.) e a voi? Addirittura oggi glielo sento dire con più sarcasmo quando accenno all'idea di una nuova Porto Santa Venere! Capita anche a voi?

Se penso che questo lo dicono a Monteleone... Monteleone? Mi basta ripensare a Federica per sorriderci su, con amarezza.
Antonio Montesanti

link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...